menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Calciomercato di mezza estate: Caracciolo al Rubin, Arcari al Legia

Vento dell'Est per le Rondinelle, con l'Airone e il numero uno della scorsa stagione attratti dalle ghiotte offerte dei campionati russo e polacco. Taddei firma con il Casale, Martinez e Mareco prossimi partenti. Nuovi arrivi? Si vedrà

Il diktat di Giuseppe Scienza si realizzerà entro tempi brevi, anzi brevissimi. Il nuovo allenatore delle Rondinelle ha infatti chiesto una rosa ridotta, composta al massimo da 23 giocatori: per il ritiro di Temù erano annunciati in 30, Martinez e Mareco hanno ridotto il numero a 28, poi ci sono tanti partenti, anche tra quei convocati che in teoria sono in ritiro per giocarsi una maglia da titolare. Spiace dirlo ma il nuovo Brescia sarà proprio un Brescia da Serie B, con obiettivi di un certo tipo e investimenti di un certo tipo. In questo periodo i sondaggi interni ed esterni alla società non sono certo all’insegna dell’ottimismo, ma vanno presi e interpretati con cautela, nessuno ha mai parlato apertamente di una promozione immediata, tutti hanno parlato di un progetto a lungo termine e a lungo raggio.

Come sempre nel mercato estivo le sorprese si sprecano, e quell’Andrea Caracciolo ormai dato per sicuro al Bologna (si è detto di una caparra già versata e di un pre contratto già firmato) con tutte le probabilità decollerà invece in terra che fu sovietica, a casa dei russi del Rubin Kazan: non si conoscono i dettagli dell’accordo né il valore effettivo del trasferimento, ma dal web annunciano che le tre parti, le società e il giocatore, hanno già raggiunto un accordo di massima. Un colpo di scena dell’ultima ora, tanto che un paio di giorni fa il neo mister bolognese Pierpaolo Bisoli aveva già annunciato trionfante il doppio ingaggio (Caracciolo + Diamanti), definendoli “due giocatori ottimi, con qualità importanti, che ci daranno la possibilità di giocare un altro tipo di calcio”.

Il capitolo cessioni eccellenti non sembra concludersi qui. Michele Arcari, numero uno indiscusso della passata e dell’attuale stagione, potrebbe lasciare ampio margine e spazio di crescita al giovane Leali, vista la ghiottissima offerta giuntagli dall’Est Europa, più precisamente dal Legia Varsavia. “Hanno inoltrato una richiesta importante per Michele – ha dichiarato ai giornalisti il suo fedele procuratore – Loro giocano l’Europa League, sarebbe una buona opportunità, una vetrina importante”. Arcari è in ritiro con i suoi compagni, ma Temù non è fuori dal mondo, e le telefonate dalla Polonia arrivano senza problemi. Il trequartista Riccardo Taddei intanto è stato ingaggio dall’As Casale Calcio. Fantasista dai piedi buoni, più e più volte è stato paragonato ai grandi del passato calcistico italiano, ma gli infortuni e la sua indole poco incline al sacrificio gli hanno precluso il grande salto di qualità.

Tra cessioni, cessioni e cessioni nella nebbia del mercato si intravede anche qualche possibile acquisto. Iaconi e soci stanno sondando il terreno per l’esterno sinistro del Viareggio Giovanni Taormina, 23 anni e un buon tiro, oltre al vantaggio di costare relativamente poco. Dalla Slovenia potrebbe invece arrivare l’attaccante classe 1991 Robert Beric, ex Lubiana ed ex Maribor, centravanti di peso (1,90m per quasi 85kg), una torre d’altri tempi. Le trattative sono a metà strada: le Rondinelle lo vorrebbero in prestito, il Maribor deve monetizzare e chiede un trasferimento immediato.

Attendere un istante: stiamo caricando il sondaggio...

Senza Caracciolo e Diamanti il Brescia tornerà in Serie A?



Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Dati sbagliati dalla metà di ottobre: così la Lombardia ha "sballato" i conti

Coronavirus

Covid: 43 casi in una settimana, in paese è allerta massima

Coronavirus

Pazienti positivi nell’ospedale no-Covid, chiuso un reparto

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento