rotate-mobile
Calcio

Brescia penultimo, i tifosi cercano di aggredire Cellino armati di cinghie

La notizia rivelata in conferenza stampa

Tentata aggressione al presidente Massimo Cellino. Lo ha rivelato in conferenza stampa - convocata mercoledì a Torbole Casaglia - il direttore generale del Brescia Calcio Luigi Micheli: un gruppetto di ignoti, almeno per ora, avrebbe atteso con aria minacciosa il presidente all'uscita del centro sportivo di Torbole. Alcuni di loro sarebbero stati "armati" con delle cinghie: per l'accaduto verrà sporta denuncia.

Altro episodio, una decina di giorni fa: lancio di uova sulle finestre degli uffici della sede del Brescia in città. "Sono episodi che una società non può tollerare: verranno fatte delle denunce, ognuno deve assumersi le proprie responsabilità", ha detto ancora Micheli.

La situazione del Brescia Calcio

Sono settimane di acque agitate per il Brescia. La squadra è al penultimo posto in classifica, a quota 25 punti: a pari merito con la Spal e a sole due lunghezze dai 23 punti dell'ultima in graduatoria, il Cosenza. Certo il campionato di Serie B è noto per la sua "compattezza": con 6 punti in più il Brescia sarebbe a metà classifica, con una decina di punti in più starebbe lottando per la promozione. 

L'obiettivo resta la salvezza, non sarà facile ma avanti tutta. Nel frattempo si segnalano le dimissioni dal Cda di Aldo Ghirardi e Giampiero Rampinelli. E nessuna novità sul fronte della vendita: alla fine dello scorso anno si era parlato del gruppo olandese Azerion. Ma anche su questa possibilità sarà decisiva la salvezza. Intanto sabato si torna in campo: alle 14, al Rigamonti, arriva il Bari che è terzo in classifica.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Brescia penultimo, i tifosi cercano di aggredire Cellino armati di cinghie

BresciaToday è in caricamento