Calori: "Contro il Padova voglio una squadra dura e compatta"

Il coach della Rondinelle: "Dobbiamo avere una sua fisionomia ben precisa: compattezza, per diventare una squadra ostica"

Brescia-Padova sarà la gara tra due squadre che devono crescere, dice l’allenatore del Brescia Calcio Alessandro Calori prima della rifinitura in vista della sfida di domani sera contro il Padova.

"Sarà una sfida tra due squadre che giocano allo stesso modo - continua -, con in rosa gli esterni tra i più forti del campionato, da una parte e dall’altra. Io sono convinto che il Brescia man mano che continua il campionato, potrà togliersi delle soddisfazioni e sono fiducioso che possa venir fuori una squadra molto competitiva. L’arrivo di Corvia e Stovini in quest’ottica ci può senza dubbio dare una mano. Avere più alternative in tutti i reparti fa piacere, perché credo che così ci sia una competizione maggiore e sana".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


Caracciolo ultimamente è apparso un po’ giù di tono: “L’ho già detto e lo ribadisco: Andrea è un top player per la Serie B. Aspetto solo che cresca di condizione e che si prenda anche delle responsabilità. Voglio che diventi protagonista e che sia un riferimento per i suoi compagni. Mi aspetto da lui qualcosa in più, proprio perché conosco le sue qualità.”

Corvia e l’Airone possono coesistere? “Assolutamente sì. Lavoreremo tanto affinché questo possa verificarsi: per fa sì che questo accada, però, vorrei una squadra corta e che sappia pressare molto alto.”

Capitolo Salamon: “Il polacco sta facendo molto bene come centrale di difesa e per il momento escludo che possa ritornare a centrocampo. Bartosz sta crescendo e se imparerà ad impostare, a costruire e ad inserirsi al momento giusto potrà diventare un giocatore indispensabile.”

Conclusione con una speranza: “Il Brescia – dice il mister aretino – ha già una sua fisionomia ben precisa e un’anima: ora serve trovare alla svelta la compattezza che farà del Brescia una squadra ostica.”
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: primo bambino positivo in una scuola bresciana, classe in isolamento

  • Masturbava ragazzini al parco, in cambio gli comprava scarpe e spinelli

  • Incidente in A4 tra Desenzano e Brescia: chilometri di code

  • Precipita per oltre 8 metri: muore sotto gli occhi dei nipotini di 6 e 8 anni

  • Un uomo e un ragazzo fanno sesso sul ciglio della strada: multa da 20.000 euro

  • Apre nuovo supermercato: maxi-store da 3.800 mq aperto tutti i giorni

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento