Domenica, 25 Luglio 2021
Sport

Il Brescia cade a Genova. Si avvicina lo spettro della B

Ma Iachini non molla: "Eduardo è stato il migliore in campo. Ci sono ancora 5 partite e alcuni scontri importanti. Saranno questi a decidere il nostro futuro"

Il Genoa batte in crescendo il Brescia 3-0 e a 42 punti si candida per una nuova stagione in serie A. Precipita invece la formazione di Iachini, trafitta nella ripresa dai gol di Rafinha, dall'autorete di Accardi e dalla rete di Antonelli, in tutti i tre casi grazie agli assist di Palacio. Una vittoria maturata con estrema pazienza, dopo avere subito il pressing del lombardi che non mollano mai e che devono fare i conti con un Eduardo mai visto.

GENOA 3
BRESCIA 0

GENOA
(4-4-2) Eduardo; Mesto, Dainelli, Kaladze, Criscito; Rafinha, Milanetto (42' st Konko), Kucka (7' st Antonelli), Rossi; Floro Flores (39' st Paloschi), Palacio. (Scarpi, Chico, Boselli, Moretti). All. Ballardini.
BRESCIA (3-5-2) Arcari; Zebina, Bega, Zoboli; Zambelli (35' st Jonathas), Konè (7' st Lanzafame), Zanetti, Hetemaj, Accardi (20' st Berardi); Diamanti, Caracciolo. (Leali, Mareco, Vass, Baiocco). All. Iachini.
ARBITRO Brighi di Cesena.
RETI st 14' Rafinha, 25' Berardi (aut), 49' Antonelli.

A fine gara Iachini analizza così il match: "Dobbiamo essere più bravi a concretizzare le occasioni. Il primo gol ha significato un crollo psicologico anche se si è continuato a giocare e si sono creati i presupposti per rimediare. Ma Eduardo è stato il migliore in campo. Ci sono ancora 5 partite e alcuni scontri importanti. Saranno questi scontri a decidere il nostro futuro".


Sull'accoglienza riservata dallo stadio all'allenatore del Brescia (pesantemente fischiato durante tutta la gara) interviene anche il presidente del Genoa, quell'Enrico Preziosi che da qualche anno risiede a Desenzano: "Iachini meritava di peggio, e avrei fatto anche di peggio. Ricordo la sua ingiustificata gioia dopo il pareggio del suo Piacenza davanti a 20mila tifosi genoani. Un gol che alla sua squadra non serviva. Ci mancava che facesse il giro di campo. Nel calcio ci vuole rispetto: il calcio è come una ruota e prima o poi gira. Come giudico l'allenatore Iachini? È come chiedere se è buono l'aglio prima di baciare una ragazza. Iachini dice che in Inghilterra una cosa del genere non sarebbe nemmeno un caso, ma la normalità? Iachini non allenerebbe mai in Inghilterra".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Brescia cade a Genova. Si avvicina lo spettro della B

BresciaToday è in caricamento