Corioni lascia e il Brescia si ‘salva’: la squadra è iscritta in Serie B

Il presidente Gino Corioni lascia la dirigenza del Brescia Calcio: squadra commissariata, ora controllata da Ubi Banca e dal nuovo amministratore unico, il commercialista bresciano Luigi Ragazzoni

Brescia Calcio, si ricomincia. Dal campionato di Serie B, e con tre punti di penalizzazione. Con un nuovo amministratore unico, il commercialista bresciano Luigi Ragazzoni, dopo una riunione lunga più di sei ore, nella sede di Ubi Banca di Via Cefalonia.

Un Brescia inevitabilmente commissariato: l’unica soluzione per salvare baracca e burattini, per sventare ogni ‘tragica’ ipotesi, perfino l’eventuale ripartenza dai Dilettanti, o peggio dall’Eccellenza. La prerogativa era che Gino Corioni lasciasse. E ha lasciato.

Ieri ha praticamente ufficializzato le sue dimissioni. “Sono sollevato”, avrebbe detto ai giornali. Con un ringraziamento “dovuto” a Ubi Banca, che ha coperto le spese per l’iscrizione in Serie B. Quindi si riparte, anche se a fatica.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Con i ragazzi che già si preparano al ritiro, già si sottopongono alle visite mediche di rito. Anche se l’atmosfera, quest’anno, non sarà più quella di sempre.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: giovane direttrice di banca trovata morta in casa dal fratello

  • Economia bresciana in lutto: è morto l'imprenditore Giuliano Gnutti

  • Coronavirus in provincia di Brescia: morti e contagi Comune per Comune | 1 aprile 2020

  • Una famiglia distrutta dal Coronavirus: in poche ore morte tre sorelle

  • Coronavirus in provincia di Brescia: morti e contagi Comune per Comune | 29 marzo 2020

  • Coronavirus in provincia di Brescia: morti e contagi Comune per Comune

Torna su
BresciaToday è in caricamento