Sport

Brescia: arriva Bergodi. Maifredi: "Io restare? Un malinteso"

Presentato ufficialmente il nuovo tecnico: "Per me il Brescia sarà una grande opportunità"

La presentazione di Bergodi

Il Brescia si affida a Cristiano Bergodi. Dopo l'addio di Marco Giampaolo e la conduzione temporanea di Gigi Maifredi, allenatore per una giornata e subito tornato al ruolo di responsabile dell'area tecnica, il presidente Corioni ha scelto il nuovo timoniere cui affidare le sorti della prima squadra.

Una scelta che il massimo dirigente ha preso dopo giorni di riflessione, dovuti al 'caos' per l'addio di Giampaolo e durante i quali Maifredi si è messo a disposizione del club riprendendosi temporaneamente una panchina tra i professionisti tredici anni dopo l'ultima esperienza.

"Non dovevo certo restare fino al termine della stagione, solo per un sabato o due", ha detto l'ex allenatore della Juventus, confermando la notizia poi divenuta ufficiale dell'arrivo di Bergodi. "Una grande opportunità", l'ha definita il tecnico, presentato ieri a Brescia e incaricato di riportare serenità in un ambiente scosso dalle dimissioni di Giampaolo.

Determinante lo scontro con gli ultras di una decina di giorni fa, cui ha fatto seguito la decisione di lasciare per contrasti con la tifoseria ma anche con il club, al quale Giampaolo imputa di averlo lasciato solo in un momento di difficoltà della squadra.


L'avvio stentato ha portato il Brescia ad attestarsi a metà classifica, compito di Bergodi (che ha già diretto il primo allenamento) sarà quello di provare ad acciuffare un treno playoff che le 'Rondinelle' inseguiranno fin dalla prossima uscita. L'avversario sarà Beppe Iachini, altro subentrante in B dopo l'esonero di Gattuso.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Brescia: arriva Bergodi. Maifredi: "Io restare? Un malinteso"

BresciaToday è in caricamento