Brescia, Beppe Scienza si presenta: “Sono pronto”

Le prime parole del nuovo allenatore delle Rondinelle: “Brescia è una piazza importante, una squadra prestigiosa nell’elite del calcio italiano”. Sulla retrocessione: “Andremo avanti con energie positive, per società e tifosi”

Giuseppe Scienza ha parlato. Il nuovo allenatore del Brescia Calcio si è ufficialmente presentato questa mattina, nella sede Saniplast della famiglia Corioni, e proprio il presidente ha voluto augurare al nuovo tecnico tutte le fortune, e una altrettanto brillante carriera in biancoblu: “Mi ha fatto un’ottima impressione, è pieno di entusiasmo”. Quella di Scienza è una scelta ponderata, da parte della società e da parte dello stesso allenatore, le sue parole sono quelle di chi ha voglia di fare, di chi ha voglia di lasciare un segno importante per una grande città come Brescia.

“Ho aspettato molto a fare la mia scelta, tenendo in considerazione i pro e i contro – queste le sue prime dichiarazioni – L’occasione è ghiotta, Brescia è una piazza importante, una squadra prestigiosa nell’elite del calcio italiano. Ho avuto contatti anche con il Grosseto ma con loro mi sono comunque comportato in modo leale, ben conscio del fatto che la trattativa col Brescia poteva finire in un altro modo. Penso di essere arrivato nel momento giusto, questo progetto di squadra giovane avvalora ancora di più la mia scelta”.

Poi qualche delucidazione sul Brescia che verrà, almeno a livello tattico: “Da quando ho iniziato ad allenare ho provato e sperimentato diverse tipologie di gioco, variando spesso gli assetti, soprattutto a livello giovanile. Facendo così ho permesso ai ragazzi di imparare a coprire diversi ruoli. Credo che il modulo del nuovo Brescia varierà in base ai giocatori che resteranno, l’obiettivo è quello di strutturare una squadra dai forti equilibri. Voglio che la mia squadra sappia giocare bene, senza affidarsi a palle lunghe o altro”.

E il presidente Gino Corioni? “Lui vuole divertirsi e vedere la squadra giocare bene. A livello societario il Brescia deve lasciarsi velocemente alle spalle una retrocessione della quale non ci si deve vergognare. Andremo avanti carichi di energie positive, per la società e per i tifosi. Qui c’è un vento nuovo”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lombardia zona rossa dal 17 gennaio, le regole: cosa si può fare e cosa no

  • Orrore in famiglia: guarda video porno e fa sesso con la sorellina di 14 anni

  • Iveco parlerà cinese? Offerta miliardaria per lo storico marchio, Brescia trema

  • Auto travolge sette ciclisti sul Garda: è la squadra di Peter Sagan

  • Provincia di Brescia: morti e contagi di sabato 16 gennaio 2021

  • Fontana: "Lombardia sarà zona rossa, lo dice Speranza. Non ce lo meritiamo"

Torna su
BresciaToday è in caricamento