Giovedì, 16 Settembre 2021
Sport Mompiano

Brescia-Albinoleffe 1-3, un’altra clamorosa sconfitta. Scienza trema

Squadra al collasso, ko pesantissimo contro i 'cugini' dallo stesso sponsor. Involuzione evidente nel gioco e nella grinta rispetto alla gara di Modena, reazione quasi nulla dopo lo svantaggio. E Beppe Scienza trema

L’Albinoleffe ribalta ogni pronostico e stravince il derby dello sponsor con il Brescia Calcio, un secco 3 a 1 che risuona come una sirena nelle orecchie stanche di giocatori e dirigenti, tifosi e soprattutto allenatore, ora alle prese con una panchina che non può non scottare, e una serie negativa che continua ormai da nove giornate, con due soli punti e pochissimi gol. Anche oggi l’unica rete la firma Jonathas, dopo due errori clamorosi e quando il risultato era già fissato, e la partita già chiusa. Forse il rigore del vantaggio ospite era più che dubbio ma non è una scusante. Questa squadra, se gioca ancora così, lotterà per salvarsi. E sarà durissima.

IL MATCH – Brescia e Albinoleffe sono tra le squadre più giovani del campionato ma l’inesperienza sembra tutta bresciana. Meno di un quarto d’ora e i bergamaschi sono in vantaggio: intervento scomposto di Magli, rigore forse generoso ma trasformato in sicurezza da Cocco. Prima del raddoppio una sola conclusione di Salamon (fuori), poi due palle gol per l’Albinoleffe in rosso, con Luoni prima e con Cocco poi, su cui si supera Leali. Le belle giocate di Juan Antonio ed El Kaddouri sono fini a sé stesse, il Brescia è troppo compassato e non cambia mai passo. In contropiede il raddoppio, al ’43, con uno show sulla sinistra di Cristiano e Foglio, e un’autorete evitabile di Magli, che infatti lascia il campo al doppio fischio dell’arbitro Giacomelli.

Entrano Feczesin e Cordova, Salamon va in difesa e il Brescia sembra cambiare faccia. Nei primi ’15 il forcing delle Rondinelle, vicine al gol per due volte con El Kaddouri, poi una nuova amnesia di gioco. Tanti errori, anche banali, leggerezze che un giocatore professionista non dovrebbe mai fare, fino al pasticcio di centrocampo dopo una punizione di Cordova, e un contropiede di Foglio lasciato tutto da solo, libero di farsi tutto il campo e infilare Leali con un rasoterra piazzato. Il morale è a terra, a poco serve inserire Vass, solo negli ultimi minuti emerge il buon Jonathas. Che però sbaglia due occasionissime prima di realizzare il gol della bandiera nei minuti di recupero, dopo una mischia in area.

POST PARTITA – Una sconfitta così pesante sicuramente avrà delle conseguenze. Senza tirare in ballo Beppe Scienza e i suoi errori veri o presunti la squadra così non funziona, il modulo è usurato, attaccare per vie centrali non rende ed è fin troppo prevedibile. Il Brescia è forse l’unica squadra di Serie B a permettersi il lusso di quattro giocatori che non tornano e non corrono, due punte, un trequartista più El Kaddouri. A costo di essere ripetitivo pare evidente che qualcosa va cambiato, e subito. Magari rispolverando vecchi corridori e vecchi combattenti (Vass e Cordova?), magari rispolverando il modulo con la difesa a tre. Aspettando Zambelli.

LE PAGELLE

IL CALENDARIO

TABELLINO

BRESCIA-ALBINOLEFFE 1-3

BRESCIA: Leali, Mandorlini, De Maio, Magli (’51 Cordova), Berardi, Martina Rini (’69 Vass), Salamon, El Kaddouri, Juan Antonio, Jonathas, Ramos (’51 Feczesin). All. Scienza

ALBINOLEFFE: Offredi, Luoni, Lebran, Bergamelli, Piccinni, Hetemaj, Pacilli (’67 Salvi), Laner, Cristiano, Foglio (’78 Taugourdeau), Cocco (’62 Germinale). All. Fortunato

Marcatori: '13 Cocco (rig), '43 Magli (aut), '68 Foglio, '92 Jonathas

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Brescia-Albinoleffe 1-3, un’altra clamorosa sconfitta. Scienza trema

BresciaToday è in caricamento