Capolavoro da campioni: Montichiari vince la Coppa Italia di serie B

Il trionfo contro Agropoli: è la seconda coccarda tricolore della storia del club

I giocatori della Contadi Castaldi festeggiano la Coppa Italia

Il capolavoro dei campioni, la partita assoluta per sollevare al cielo la Coppa Italia. La Contadi Castaldi trionfa contro Agropoli  e regala al patron Franchini e al presidente Foschetti la seconda coccarda tricolore della storia del club.  Si conclude così in modo trionfale un match iniziato in modo drammatico, con i cilentani che a metà secondo quarto erano avanti di 20 lunghezze. Ma non si scherza con la Contadi  Castaldi.

LA PARTITA - Cadeo ripropone lo stesso quintetto della semifinale, con Bonfiglio, De Ruvo, Infanti, Genovese e Perego. Agropoli inizia con due triple firmate Marullii e Romano, cui risponde un Infanti immediatamente on fire (6-6).  Incuranti di qualsisia difesa il Dream Team provi a proporre Agropoli inizia a bombardare il canestro:  il solito Marulli, Molinaro, Serino, è un festival della tripla (sarà un mostruoso 7/11 a fine primo quarto) e Montichiari non riesce a opporsi. Il. 35-18 per i nostri avversario suona come un incubo.

Cadeo prova a scuotere i suoi, ma anche nel secondo parziale Agropoli pare indemoniata: boom, boom, boom e il punteggio dopo 4 minuti recita 50 Agropoli 28 Montichiari. Gli uomini di Paternoster trovano altri due punti, poi per 6 minuti si infrangono contro la zona di Montichiari. Ed è qui che inizia un'altra partita. Sostenuti da un tifo infernale, opera dell'Onda Bianconera, Infanti, Bonfiglio, Perego e Cazzaniga si caricano sulle spalle la squadra e, con una bomba da Nba di Bonfi sulla sirena andiamo al riposo sotto di un solo punto, 52-51, dopo un parziale di 23-2.

Sui volti dei monteclarensi ritorna la convinzione, gli occhi sono assetati di vittoria. Ma la partita e ancora lunga e il terzo periodo inizia all’insegna della bagarre, con due minuti senza canestri. Molinaro centra la bomba e porta i suoi sul 55-51, ma Perego non ha pietà e ci tiene in piedi, aiutato da un Bonfi che spara dalla linea dei 6,75 come non avesse fatto altro nella vita. Poi... è Scanzi show. Il capitano recupera palla, subisce un antisportivo. Fa 2/2 dalla lunetta per firmare il sorpasso (60-59 al 28'), quindi segna da sotto. Alla festa si iscrive anche Marconato (66-62), ma l'ennesima bomba di Romano riaccende Agropoli.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'ultimo quarto inizia sul 66-64 per i bianconeri. Ancora Romano, con tre liberi (fallo di De Ruvo) riporta avanti Agropoli, ma Cazzaniga non riesce a sbagliar e Infanti è letale, sopratutto dalla lunga distanza. Peccato che Serino lo imiti, ed è ancora 72-71 per Agropoli. Qui Montichiari concretizza il suo piccolo grande capolavoro: Bonfiglio piazza un 5-0 che fa assaporare il trionfo, Romano replica subito. E' Scanzi a regalare il +7 a due minuti dalla sirena, ma Marulli ne ha ancora (tripla dell'80-84). Cosa si fa, allora? Si da la palla a Perego: due uno contro uno e un 2/2 dai liberi sigillano il trionfo, messo definitivamente in ghiaccio da Scanzi e Bonfiglio dalla lunetta. Poi è solo festa, per una trofeo che prende la strada della Contadi Castaldi. A rendere ancor più dolce la vittoria il premio di MVP delle finale a Riky Perego (per lui 25 punti, 8 rimbalzi, 5 assist e 36 di valutazione) e di miglior under a Mattia De Ruvo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schiacciati da mutuo e prestiti, due figli a carico: cancellati debiti per 267mila euro

  • Niente norme anti-Covid, cuoco e pizzaiolo senza protezioni: chiuso ristorante

  • Crolla il balcone di un condominio: appartamenti inagibili, famiglie evacuate

  • Parrucchiere e cliente senza mascherina, salone chiuso dalla polizia

  • Si sente male in casa, sotto gli occhi della moglie: morto storico ristoratore

  • Si accascia sul divano e muore davanti al marito e ai figli: aveva solo 46 anni

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento