Venerdì, 18 Giugno 2021
Sport

La Centrale espugna il PalaTrento: ora la finale che profuma di serie A

Impresa dei ragazzi di coach Martelossi, che dominano gara 4 e volano in finale contro la Giorgio Tesi Group Pistoia. In palio l'élite del basket italiano

Ci vorrà del tempo per rendersene conto, per capire cosa sia successo, per realizzare e comprendere fino in fondo l’impresa compiuta dalla Centrale del latte. Si, perché di impresa si tratta: la Leonessa, al suo secondo anno tra i professionisti, al suo quarto di vita, conquista la finale Playoff di Legadue davanti al suo pubblico.

Non è un errore, perché Brescia ha giocato per davvero davanti al suo pubblico: i 300 tifosi al seguito dei ragazzi hanno sostenuto per tutti i 40 minuti di gioco Scanzi & Co, che dal canto loro hanno disputato una partita strepitosa. Un match che la Leonessa ha controllato dall’inizio alla fine, gestendo ogni rimonta di Trento e tenendo sempre l’inerzia del match dalla sua parte: il grande protagonista di questa vittoria è  il miglior Italiano della Legadue, David Brkic che chiude con 19 punti e 7 rimbalzi, oltre a un Michael Jenkins in grande spolvero con  23 punti e 8 falli subiti a referto.

Strepitosa prova anche per Gino Cuccarolo (10 punti, 8/9 ai liberi e a tratti dominante) e per il “greco” Nikos Barlos che in 30 minuti ne mette 14 con 6 rimbalzi. Tanta sostanza anche da Fernandez (5 assist) e Scanzi, oltre che dai soliti Scanzi, Stojkov, Lombardi e Loschi (3 punti anche per lui). Giù il cappello di fronte a questa Leonessa: la finale è meritata, al 100%.

Il match parte in sordina, con le difese che hanno la meglio (almeno nei primi 4 minuti) sugli attacchi: il primo canestro dopo quelli di Elder e Giddens porta infatti la firma di Luca Garri, che al 5° di gioco evita la stoppata di Giddens e deposita due punti a canestro. Segna ancora l’ex nazionale italiana, ma Jenkins risponde con un tripla: la partita si incendia con una tripla di Forray, cui la Centrale risponde con una schiacciata di Barlos e un piazzato di Fernandez.

Dordei  va a canestro, Brkic segna da oltre l’arco ma Umeh dall’altra parte fa letteralmente esplodere il PalaTrento con una schiacciata terrificante in testa a Brkic. Sull’onda del suo pubblico la Bitumcalor segna altri 5 punti consecutivi e chiude un parziale di 7-0 che permette ai padroni di casa di chiudere il primo quarto avanti di 6 lunghezze (22-16).  

Con un parziale di 7-0 (4 di Giddens e 3 di Barlos) ad inizio secondo periodo, la Leonessa si porta avanti nel punteggio ma Dordei prima e Spanghero dopo rispondono per la Bitumcalor, riportandola a +3. Con un parziale di 9-2 firmato Gino Cuccarolo (che dalla lunetta si dimostra un glaciale, mettendo a referto un 7/7) la Leonessa vola a +4, ma Dordei con 4 punti consecutivi riporta la sfida sui binari dell’equilibrio. Brkic segna dal post, prima del botta e risposta da oltre l’arco dei 6.75 di Federico Loschi e BJ Elder: l’ala americana si ripete poco più tardi, bruciando la sirena di primo tempo e portando la Bitumcalor sul +1 al riposo (37-36).

La Leonessa rientra in campo con gli occhi della tigre e mette subito un parziale di 6-2: la Bitumcalor risponde da grande squadra quale è con un gioco da tre punti di Michael Umeh e con 10 punti di uno strepitoso BJ Elder, che segna da ogni posizione del campo. Martelossi mette in campo il quintetto pesante, ossia con Brkic e Cuccarolo insieme e ne trae subito vantaggi: sul lungo cesenate ci finisce infatti Gigi Dordei che paga in centimetri sotto canestro.

Il risultato è che David segna 9 punti nei 4 minuti rimanenti di terzo quarto e insieme a Jenkins e Barlos (che mette una tripla fondamentale a 20 secondi dalla sirena) porta la Leonessa a +4 quando inizia l’ultimo periodo di gioco (57-61). Il 4°quarto si apre con una tripla di Nikos Barlos, a cui rispondono subito Dordei e Pascolo: la Leonessa però non si disunisce, Michael Jenkins ne mette 4 di fila e Buscaglia è costretto a chiamare minuto di sospensione.

Al rientro in campo Trento mette a referto un parziale di 7-2 che rimette la partita in equilibrio, ma Michael Jenkins non è d’accordo e mette due triple consecutive pazzesche con le mani in faccia dell’intera difesa della Bitumcalor. Davide Pascolo non ne vuole sapere e di orgoglio mette da solo un parziale di 5-0, che riporta la Bitumcalor a -3: Jenkins risponde con un 2/2 dalla lunetta ma questa partita non finisce mai. Umeh ed Elder infiammano il PalaTrento, che diventa una bolgia: ci pensa Giddens con una tripla pazzesca a riportare l’inerzia dalla parte dei bianco blu. Elder segna, Brkic risponde, ma Jenkins dalla lunetta fa 2/2: il tempo passa e diventa il peggior nemico della Bitumcalor Trento. Elder e Umeh non trovano più la via del canestro, che equivale a dire FINALE!

La Leonessa espugna per 79-87 il PalaTrento e davanti al SUO PUBBLICO conquista la finale Playoff con la Giorgio Tesi Group Pistoia.

Bitumcalor Trento:
Umeh 16, Gorreri ne, Pascolo 9, Valer ne, Forray 5, Dordei 11, Basile, Garri 4, Elder 24, Conte 2, Spanghero 8.
Brescia:
Fernandez 4, Stojkov, Lombardi, Loschi 3, Jenkins 23, Stagnati ne, Dalovic ne, Cuccarolo 10, Giddens 14, Scanzi, Barlos 14, Brkic 19.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Centrale espugna il PalaTrento: ora la finale che profuma di serie A

BresciaToday è in caricamento