Tifoso incontra il suo idolo Caracciolo: "Sto morendo, sei la gioia più bella"

Ha solo 41 anni e una malattia terribile da affrontare: sfegatato tifoso del Brescia, pochi giorni fa ha incontrato il suo idolo, il capitano Andrea Caracciolo

“Sto morendo, Andrea. Eppure la gioia più bella per me è vederti giocare”. Sono parole di una forza e di una dolcezza immensa, nello stesso tempo. Le parole di un tifoso del Brescia di 41 anni, che abita in provincia, costretto a combattere contro una terribile malattia che difficilmente gli lascerà scampo.

Si sono incontrati, lui e il suo idolo Andrea Caracciolo, il capitano di tutti i bresciani: all'ora dell'aperitivo in centro a Brescia, come racconta la Gazzetta dello Sport. E' bastato uno sguardo, un abbraccio e quelle poche, pochissime parole.

“Sto morendo, Andrea”. Già rimbombano nel cuore, e dal cuore non si levano. Si dice che Andrea abbia un cuore grande: 14 stagioni al Brescia, ha rifiutato i milioni dello Shaktar Donetsk pur di restare a Brescia, anche quest'anno ha raggiunto la doppia cifra, i 10 gol in campionato. E altri ne farà, ne siamo sicuri.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Devi far sesso con me, ma voglio i soldi": si rifiuta, lei lo butta giù dalla finestra

  • All'ospedale Civile una paziente col Coronavirus, controlli su 5 bresciani

  • Emergenza Coronavirus: 4 casi positivi al Civile, c'è il primo bresciano

  • Emergenza coronavirus: scuole chiuse in tutta la Lombardia

  • Coronavirus, Lombardia 'blindata": scuole chiuse, bar e locali off limits dalle 18

  • Coronavirus in Lombardia: 100 persone a rischio, 70 vanno in quarantena

Torna su
BresciaToday è in caricamento