Earth Day Italia

Rischio idraulico, in arrivo 3 milioni per la messa in sicurezza del territorio

A seguito della seduta del comitato di indirizzo Aipo sono stati deliberati alcuni interventi urgenti per la messa in sicurezza del territorio

Con l’arrivo dell’autunno torna anche il maltempo e con esso tutte le problematiche inerenti alla messa in sicurezza del territorio. È nota, infatti, la fragilità del territorio lombardo, oggi accentuata dall'elevato livello di urbanizzazione e dall'aumento della frequenza di eventi atmosferici che generano effetti distruttivi. Tutto questo rende imprescindibili e soprattutto repentini la prevenzione e la tutela del territorio.
 

Queste tematiche, proprio per la loro importanza, sono sempre al centro delle politiche della Regione che proprio in questi giorni ha deliberato su alcuni interventi urgenti, tra cui la sistemazione dell’argine sinistro del Po che desta le maggiori preoccupazioni. Queste deliberazioni hanno fatto seguito ad una seduta del Comitato di indirizzo di Aipo, l'Agenzia interregionale del fiume Po, alla quale hanno partecipato i rappresentanti di Lombardia, Piemonte, Veneto ed Emilia Romagna.
 

“Via libera a lavori per 3,5 milioni di euro destinati alla messa in sicurezza e alla prevenzione del rischio idrogeologico in alcune aree del territorio lombardo", ha affermato l'assessore regionale al Territorio, Urbanistica e Difesa del Suolo Viviana Beccalossi, a conclusione della seduta. "Con questa decisione - ha aggiunto Viviana Beccalossi - viene affidata ad Aipo la progettazione e realizzazione di opere di grande importanza, che spesso passano inosservate ma sono fondamentali per garantire i centri abitati dai pericoli di piene ed esondazioni".

Gli interventi deliberati riguarderanno la maggioranza del territorio lombardo, compresa anche Brescia: qui in particolare verrà attuata la manutenzione idraulica del fiume Mella a Villa Carcina
 

“Alcuni di questi interventi - ha concluso Viviana Beccalossi - sono attuati all'interno del Programma triennale di manutenzione dei corsi d'acqua e difesa del suolo, approvato meno di un mese fa con lo stanziamento di 16,7 milioni di euro per finanziare decine di opere. Va sottolineato che dopo aver ricevuto i fondi dal Governo a luglio e deliberato gli interventi prioritari a settembre, stiamo già entrando nella fase attuativa per aprire i cantieri il più velocemente possibile".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rischio idraulico, in arrivo 3 milioni per la messa in sicurezza del territorio

BresciaToday è in caricamento