Lunedì, 14 Giugno 2021
Earth Day Italia

Difesa del suolo, firmate le convenzioni per iniziare i lavori

"Con la firma delle convenzioni - ha affermato l'Assessore al Territorio, Urbanistica e Difesa del suolo di Regione Lombardia Viviana Beccalossi - parte la fase progettuale vera e propria, cui seguiranno gli iter previsti, per arrivare alla fase d'appalto"

Il problema della messa in sicurezza del suolo è molto sentito nella Regione Lombardia a causa proprio delle caratteristiche del suo territorio, noto per la sua fragilità oggi accentuata dall'elevato livello di urbanizzazione e dall'aumento della frequenza di eventi atmosferici che generano effetti distruttivi.  Proprio per questo la Regione Lombardia qualche settimana fa ha deliberato su alcuni interventi urgenti, tra cui la sistemazione dell’argine sinistro del Po che desta le maggiori preoccupazioni. Il territorio bresciano non sarà esente da questi interventi.
 

"A poche settimane dalla delibera con cui la Giunta regionale ha messo a disposizione 2,9 milioni di euro per finanziare opere per la messa in sicurezza del territorio bresciano, entriamo ora nella fase operativa, che consentirà agli Enti attuatori di avviare l'iter progettuale e permettere una veloce realizzazione delle opere stesse". Lo ha detto l'assessore al Territorio, Urbanistica e Difesa del suolo di Regione Lombardia Viviana Beccalossi, nel corso di un incontro presso la Sede territoriale di Regione Lombardia a Brescia, dove sono state firmate 11 convenzioni con altrettanti soggetti attuatori degli interventi, individuati tra i Comuni interessati dalle opere e le Comunità Montane Valle Trompia e Valle Camonica.
 

"Con la firma delle convenzioni - ha aggiunto Viviana Beccalossi - parte la fase progettuale vera e propria, cui seguiranno gli iter previsti, per arrivare alla fase d'appalto. Contestualmente, Regione Lombardia erogherà a ogni singolo progetto il 10 per cento dei finanziamenti spettanti, proprio per favorire l'avvio delle procedure. Da questo punto di vista il territorio bresciano, che riceve un'importante parte dei 16,7 milioni stanziati su tutta la Lombardia, ha dimostrato efficienza e unità d'intenti".
 

Si legge in una nota della Regione che dei «12 interventi previsti per la messa in sicurezza del territorio bresciano, sono 11 quelli oggetto della convenzione appena stipulata, per un totale di 2,5 milioni di euro, cui si aggiungono 400.000 euro erogati al Comune di Botticino, a integrazione del finanziamento per il locale progetto di vasca di laminazione. E' stata inoltre firmata anche la convenzione con il Consorzio di Bonifica Garda Chiese per lavori che interessano il territorio mantovano nel Comune di Casaloldo».
 

Ecco quali sono i 12 interventi oggetto della convenzione:
 

Anfo: regimazione idrica torrente Re di Anfo, (150.000 euro);

Barghe-Provaglio Val Sabbia: monitoraggio dissesto versante e primi interventi messa in sicurezza (200.000 euro);

Bienno: consolidamento briglia torrente Grigna (200.000 euro);

Bione: sistemazione frana (185.000 euro);

Botticino e Rezzato: manutenzione idraulica (150.000 euro);

Breno: vasca trattenuta materiale solido torrente Val d'Astrio (250.000 euro);

Comuni vari: interventi prioritari sistemazione idrogeologica Val Trompia (620.000 euro);

Darfo Boario Terme: messa in sicurezza versante a monte strada Darfo-Esine (150.000 euro);

Esine: realizzazione contro briglia e svaso lungo torrente Cavena (140.000 euro);

Pian Camuno: manutenzione idraulica torrenti e monitoraggio frana (250.000 euro);

Vione: sistemazione frana Val Canè (200.00 euro);

Casaloldo (Mantova): completamento canale diversivo Tartaro Fabbrezza (300.000 euro)

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Difesa del suolo, firmate le convenzioni per iniziare i lavori

BresciaToday è in caricamento