Domenica, 21 Luglio 2024
social Toscolano-Maderno

Storico palazzo sul lungolago all'asta per 8,8 milioni di euro

Un tempo sanatorio, ora a destinazione alberghiera

La Provincia di Cremona, ente proprietario dell'immobile, intende alienare l'ex sanatorio di Toscolano Maderno, già denominato “Albergo ex Cremonese”, affacciato sul lungolago Zanardelli: lo stabile venne inserito nel patrimonio disponibile della Provincia nel 2014, per un importo pari a 13,8 milioni di euro, somma progressivamente aggiornata fino all'ammontare attuale di 8,8 milioni, che sarà pure la base d'asta. 

Base d'asta a 8,8 milioni di euro

L'avviso per eventuali manifestazioni d'interesse è stato pubblicato in questi giorni (tutte le informazioni sono disponibili sull'albo pretorio della Provincia di Cremona): gli interessati possono presentare la propria manifestazione d'interesse, vincolante all'acquisto, entro e non oltre le ore 12 del 16 ottobre prossimo, ad un prezzo superiore alla somma posta a base d'asta (come detto: 8,8 milioni di euro).

Il complesso immobiliare venne edificato nei primi anni del Novecento e ancora oggi si compone di più corpi di fabbrica, inseriti in un vasto parco piantumato: l'ex sanatorio è stato oggetto di un recente intervento di ristrutturazione, avviato nel 2004 e concluso nel 2009. Così i corpi di fabbrica: l'edificio principale, 5 piani fuori terra, convertito in destinazione ad uso alberghiero; edificio ex servizi contumaciali, 2 piani; edificio ex abitazione custode, un piano; cabina elettrica; servizi igienici; locali tecnici.

Le caratteristiche dell'immobile

L'immobile presenta un ingresso principale posto sul lungolago, ma anche diversi accessi di servizio collocati sulle confinanti Via Vincenzo Gioberti e Via Dante Alighieri. La superficie complessiva ammonta a 8.630 metri quadrati, di cui 1.164 di area coperta: l'area di pertinenza, principalmente adibita a parco, si estende fronte lago per tutta la lunghezza del lotto. Il parco stesso, nello specifico, presenta una ricca varietà di essenze arboree tipiche o presenti in maniera diffusa nella zona dell'alto lago: tra queste anche cipressi, pini marittimi, cedri, ulivi, magnolie e palme. Il compendio immobiliare, parco compreso, risulta vincolato come “bene paesaggistico di importante rilevanza”.

L'ex sanatorio venne donato alla Provincia di Cremona dal Consorzio provinciale antitubercolare di Cremona il 15 settembre del 1980. Il bene è attualmente occupato dalla fondazione dell'Istituto ospedaliero di Sospiro: il Consiglio di amministrazione si è però già impegnato a liberare l'immobile.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Storico palazzo sul lungolago all'asta per 8,8 milioni di euro
BresciaToday è in caricamento