La Torre s'illumina di rosso (sangue): appare un bersagliere alto decine di metri

Un evento unico per celebrare i 150 anni dalla presa di Roma: la Torre di San Martino della Battaglia si è illuminata di rosso

Per celebrare i 150 anni dalla breccia di Porta Pia e della “presa” di Roma, la Torre di San Martino della Battaglia si è illuminata di un rosso acceso, visibile a chilometri di distanza, su cui è stata proiettata la figura di un bersagliere (alta decine di metri). Un evento più unico che raro, e che lascia a bocca aperta: la sontuosa illuminazione festeggia anche il primo secolo e mezzo della Società Solferino e San Martino, nata per commemorare e ricordare i caduti della sanguinosa battaglia – forse la prima dell'era moderna – che si combatté il 24 giugno del 1859 sulle colline affacciate sul Garda.

La tecnologia per celebrare l'Italia

Dopo un minuzioso studio, con mappature architettoniche e calcoli luxometrici, è stata così realizzata l'immagine celebrativa di un bersagliere, proiettata al centro della Torre. Sopra di lui spendevano anche i merli del monumento, evocando idealmente la corona del re: il colore rosso, invece, è stato scelto per ricordare il sangue versato da tutti i caduti.

L'illuminazione della Torre è stata offerta gratuitamente dalle ditte Serata Chic Technology, Shindic Agency e Gobo Service, L'iniziativa richiama alla memoria (ma in senso moderno, e ovviamente più tecnologico) anche i festeggiamenti che ancora alla fine dell'Ottocento si celebravano proprio il 20 settembre, il giorno della breccia di Porta Pia. 

La Gazzetta ufficiale del 1895

“Il Comitato per i festeggiamenti ha pubblicato il programma delle grandi luminarie che si faranno il 20 e il 22 settembre – si leggeva sulla Gazzetta ufficiale del 1895 – Saranno illuminati, il 20 settembre, piazza delle Terme, il piazzale esterno di Porta Pia e il giardino del Quirinale; il 22 settembre, il lungotevere e tutti i ponti. L'illuminazione sarà fatta con girandò a gas, candelabri e lampadini a colori”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Cosa vedere a San Martino e a Solferino

Al di là dell'evento (unico) dell'illuminazione del 20 settembre, il complesso monumentale di San Martino (insieme a quello di Solferino) è aperto tutti i giorni dalle 9 alle 12.30 e dalle 14.30 alle 19, con orario continuato la domenica (dalle 9 alle 19). Cosa vedere? A San Martino, oltre alla Torre monumentale, anche l'imponente Museo e il solenne Ossario; a Solferino (chiuso il lunedì) l'antica Spia d'Italia (la Rocca), i tesori custoditi nel Museo e il vicino, silenzioso Ossario. E' ancora disponibile il biglietto unico, per visitare entrambi i siti a soli 10 euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coprifuoco in tutta la Lombardia, ok del governo: dalle 23 stop attività e spostamenti

  • Tentato suicidio a scuola: ragazzina si butta dal balcone

  • Dpcm 18 ottobre: le nuove misure della stretta in arrivo oggi

  • Nel Bresciano 35 contagi in 24 ore: i nuovi casi Comune per Comune

  • Brescia: è morto il papà di Francesco Renga, aveva 91 anni

  • Covid, nuova ordinanza della Regione per locali, sport, Rsa e scuole: cosa cambia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento