Martedì, 28 Settembre 2021
social Travagliato

GigaFactory di Berlino: orgoglio bresciano nella fabbrica del futuro di Tesla

Sarà la Idra di Travagliato a fornire a Tesla le Giga Press per la GigaFactory di Berlino: affare milionario per l'azienda bresciana fondata nel 1946

Orgoglio bresciano nella fabbrica del futuro: le presse prodotte dal Gruppo Idra di Travagliato saranno presto operative nella celebre “GigaFactory” di Tesla a Berlino (Brandeburgo), a detta della multinazionale guidata da Elon Musk “l'impianto di produzione di veicoli elettrici in serie più avanzato del mondo”. E' qui che vedranno la luce i primi esemplari della Model Y in versione economica, la macchina elettrica pronta a rivoluzionare il mercato (probabilmente in vendita a meno di 30mila euro).

Le nuove Giga Press

E' il generale manager di Idra, Riccardo Ferrario, ad annunciare che Idra ha ottenuto il primo ordine del mondo per una macchina OL 5500 CS HPCD: si tratta di una “Giga Press”, una macchina da stampa tra le più grandi del pianeta, da 5.500 tonnellate, che permetterà di ridurre i tempi di produzione e che proprio dalla Bassa verrà distribuita in serie.

Le nuove Giga Press permetteranno di risparmiare fino al 40% dei consumi energetici, condizioni di iniezione più stabili in tutte le fasi e pure “una profonda evoluzione della carrozzeria delle macchine, sportelli e protezioni, a vantaggio dell'estetica e della modularità”. La partnership con Tesla si rinnova a seguito dei primi accordi per la vendita di 5 presse nella fabbrica di Fremont, in California.

La storia di Idra

L'azienda Idra è stata fondata nel lontano 1946, ancora oggi di proprietà della famiglia Pasotti, da sempre un punto di riferimento tecnologico nella pressofusione di leghe leggere (come l'alluminio). Ad oggi il gruppo è uno dei principali produttori di macchine per pressofusione in Europa, in Cina e nel mondo: i dipendenti sono circa 180, con un fatturato di oltre 100 milioni di euro.

Il boom di Tesla

In quanto a Tesla, non ha bisogno di presentazioni: dall'eccentrico patron Elon Musk, che insieme alla Nasa la scorsa estate ha mandato due astronauti nello spazio, alla produzione di auto elettriche, che vale un fatturato di oltre 25 miliardi di euro (con circa 45mila dipendenti). Ancora più clamorosa la sua capitalizzazione in borsa, che ha raggiunto e superato i 300 miliardi di dollari, più di Toyota e Volkswagen.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

GigaFactory di Berlino: orgoglio bresciano nella fabbrica del futuro di Tesla

BresciaToday è in caricamento