social

Da 25 anni, è bresciano il caviale tra i più consumati al mondo

Per celebrare mezzo secolo di attività al via la Cru Caviar Experience

C'è un caviale tra i più noti e consumati al mondo che ha un retrogusto bresciano. Eccome se bresciano: viene prodotto dai pesci storione cresciuti anche negli allevamenti di Leno e Bagnolo Mella. L'azienda in questione è la Cru Caviar, la prima produttrice italiana di caviale beluga: è ancora guidata dalla famiglia Bettinazzi, che proprio in queste settimane sta celebrando il suo primo mezzo secolo di attività nel mondo dell'acquacoltura, e i suoi primi 25 anni nella produzione di caviale italiano.

Quartier generale nella Valle del Bertone a Goito, nel Parco del Mincio, 20 ettari complessivi e altri 3 allevamenti a Bagnolo, Leno e San Martino Buon Albergo (quest'ultimo in provincia di Verona): Cru Caviar è oggi azienda leader nella produzione di caviale di beluga in Italia, dove si producono ogni anno 60 tonnellate di caviale (in tutto il mondo solo la Cina ne fa di più). Quasi il 70% dei prodotti Cru Caviar sono esportati all'estero.

Gli allevamenti di storioni

Gli storioni, garantisce l'azienda, vengono allevati perfettamente integrati all'ecosistema delle acque, dove vivono indisturbati e protetti dal rischio di estinzione naturale. Ognuno dei quattro allevamenti ha caratteristiche diverse, specifiche per le fasi di vita dello storione: a Goito si trova il centro di riproduzione e accrescimento, a cui segue (quando i pesci hanno un'età di circa un anno e mezzo) il trasferimento degli storioni negli altri 3 allevamenti. Le vasche utilizzate impiegano quasi totalmente acqua superficiale, che rispetta il naturale andamento termico per la vita dei pesci e allo stesso tempo limitano lo sfruttamento delle riserve idriche del sottosuolo.

"Da sempre abbiamo a cuore la sostenibilità - spiega Domenico Meduri, ad di Cru Caviar -. I nostri spazi produttivi sono alimentati da fonti di energia rinnovabili, principalmente fotovoltaico: l'impegno green sarà sempre al centro di tutte le nostre strategie commerciali e finanziarie".

La produzione di caviale

Sono diverse le specie di storione che vengono allevate da Cru Caviar. Gli storioni vengono poi selezionati per la produzione dei cosiddetti "cru": i cru Beluga e Beluga Imperial da storione ladano, il cru Special Reserve da una selezione tra le migliori qualità, il cru Royal da storione bianco, i cru Imperial e Classic da storione siberiano, il cru Asetra da storione russo, infine i cru Amur Kaluga e Amur Kaluga Gold, che provengono da uova di storione da importazione.

A gestire in prima persona la produzione è Renzo Zanin, il Caviar Master dell'azienda e maestro salatore di fama internazionale: "Eseguiamo la delicatissima arte della salatura con tecnica Malossol, dal russo a ridotto contenuto di sale - spiega Zanin -, distribuendo solo quella parte del caviale che supera i nostri severi criteri di controllo di freschezza, gusto, colore e dimensione. Per la lavorazione viene utilizzato solo puro sale di Cervia".

La Cru Caviar Experience

Per festeggiare il cinquantesimo anniversario della famiglia Bettinazzi nel mondo dell'acquacoltura è stata organizzata la Cru Caviar Experience, nell'allevamento di Goito: attività immersiva a contatto con il mondo degli storioni, con visita guidata lungo le rive degli allevamenti e successiva "vasca tattile" per immergersi (letteralmente) insieme ai pesci. Ogni visita, a partire da 45 euro, si conclude poi con una degustazione guidata dei prodotti Cru Caviar. Per info e prenotazioni caviar.it/experience.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Da 25 anni, è bresciano il caviale tra i più consumati al mondo
BresciaToday è in caricamento