rotate-mobile
Domenica, 14 Aprile 2024
social

Esci dalla Bolla: le critiche allo spot di Bergamo Brescia Capitale della Cultura

Il video promozionale non sta piacendo granché

«Una mamma iperprotettiva sindaca le scelte del figlio non più ragazzino. Questo è lo spunto non proprio originale e alquanto stereotipato da cui parte lo spot lanciato da Bergamo Brescia Capitale della Cultura italiana 2023». Questo il lapidario commento pubblicato da Artribune, canale specializzato sul mondo dell'arte, molto seguito in tutta Italia. 

Il video è stato girato la scorsa estate, ed è pubblicato sul canale YouTube di Bergamo Brescia, accompagnato dallo slogan: “Fuori dalla bolla, c’è una città tutta da scoprire. Ti aspettiamo nel 2023!”. Sul blog di Artribune si spiega che «Se l’uscita dalla bolla doveva far riferimento all’uscita dai luoghi comuni e dai sentieri già battuti, la scelta comunicativa non è stata delle più azzeccate. Sebbene il tentativo di abbandonare il registro aulico dei precedenti spot delle capitali della cultura italiane per scegliere un linguaggio più ironico sia apprezzabile, l’esperimento è tuttavia miseramente fallito». 

Linguaggio apprezzabile, dunque, ma il messaggio che passa non viene ritenuto adatto, anzi: «L’immagine del quarantenne che ancora vive in casa con la madre, vessato dalle imposizioni genitoriali persino nella scelta delle mete vacanziere, non è affatto edificante: anzi, sottolinea tristemente una situazione allarmante per la società italiana, conseguenza di politiche poco lungimiranti di cui non è questa l’occasione giusta per parlare, tantomeno uno spot volto a promuovere turismo e cultura».

Ma non è finita. Artribune punta il dito contro gli sponsor presenti nella seconda parte del video: «Il filmato, di circa tre minuti, è per circa la metà del tempo un susseguirsi di ringraziamenti a persone, istituzioni e sponsor, che poco si addice alle finalità di cui sopra. Se pensiamo - conclude l'articolo - poi che il claim, tradotto anche in inglese, sarà trasmesso oltre il continente europeo, negli Stati Uniti e in Canada, c’è ancora una volta da preoccuparsi per l’immagine che noi stessi diamo del nostro Paese all’estero. Speriamo almeno che gli eventi inaugurali, programmati dal 20 al 22 gennaio 2023 a Bergamo e Brescia, non deludano le aspettative, visto che sono stati annunciati come “una grande festa aperta a tutti, con spettacoli di grande impatto e valore artistico, con aperture extra-ordinarie dei luoghi della cultura”». 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Esci dalla Bolla: le critiche allo spot di Bergamo Brescia Capitale della Cultura

BresciaToday è in caricamento