rotate-mobile
social Vestone

Annata record per lo storico gruppo bresciano: il fatturato vola a 1,2 miliardi

Vendite record a quota 1,217 miliardi

Fatturato record per Silmar Group, storico gruppo bresciano di aziende leader nei settori del riscaldamento, delle leghe di alluminio da riciclo, idrotermosanitario, del riciclo di materiali plastici e della protezione passiva al fuoco: una vera multinazionale che opera sul mercato globale con 30 siti produttivi. Il bilancio 2021 del gruppo si chiude, come detto, con vendite record per 1,217 miliardi di euro, +39% rispetto agli 877,5 milioni del 2020 (in cui si pagò, in parte, lo scotto del primo anno di pandemia) e ancora meglio dell'annata record (da oltre 1 miliardo) celebrata solo un paio d'anni fa

I numeri del Silmar Group

Qualche numero: il margine operativo lordo (ebitda) si attesta a 174,6 milioni di euro, +44% sul 2020; l'utile netto supera gli 85,3 milioni, +60% rispetto ai 53,5 milioni dell'anno precedente. Sul fronte investimenti, il 2021 si chiude a un passo dai 63 milioni di euro: parte integrante del piano triennale da 200 milioni, destinato a impianti all'avanguardia, ricerca e sviluppo, digitalizzazione dei processi, formazione e sicurezza del personale, certificazioni di livello internazionale.

Il Silmar Group conta in totale 3.548 dipendenti, di cui 1.978 in Italia e 1.570 all'estero. Le aziende storiche del gruppo: la Fondital, che chiude il 2021 con un fatturato di 206,6 milioni di euro, investimenti per 19 milioni e un totale di 797 dipendenti; la Raffmetal, 541,6 milioni di fatturato, 9 milioni di investimenti e 420 dipendenti; la Valsir, 197,4 milioni di fatturato, investimenti per 16,9 milioni e 594 dipendenti; Oli, fatturato a 18,6 milioni e 42 dipendenti; Marvon, fatturato a 9,9 milioni e 71 dipendenti; infine Alba, fatturato a 23,6 milioni e 66 dipendenti.

Aziende dalla Polonia all'Australia

"I numeri sono importanti, ma sono i valori che contano", diceva lo storico patron Silvestro Niboli, scomparso nel dicembre del 2017: numeri ed estensione, perché se il quartier generale è ancora a Vestone, le aziende e le controllate o collegate del gruppo si estendono dall'Italia alla Romania, dalla Polonia alla Russia, e ancora Francia, Ucraina, Germania, Portogallo, perfino Sudafrica e Australia. 

A proposito di welfare aziendale: in occasione dei 35 anni del marchio Valsir (fondata nel luglio del 1987) sono stati appena consegnati i premi ai dipendenti più fedeli, al servizio da 20 o 30 anni di Valsir, Oli, Marvon e Alba, e agli studenti meritevoli (figli dei collaboratori). In quest'ultimo caso nell'ambito delle borse di studio intitolate proprio a Silvestro Niboli: dal 2016 al 2021 sono già stati premiati 86 studenti ed erogati più di 111mila euro.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Annata record per lo storico gruppo bresciano: il fatturato vola a 1,2 miliardi

BresciaToday è in caricamento