rotate-mobile
social Ospitaletto

Ospitaletto, gruppo Sabaf: nel 2022 fatturato a 253 milioni, utili a 15,7 milioni

Resi noti i risultati finanziari preliminari del 2022

Il fatturato rallenta dopo l'annata record del 2021 e supera di poco i 253 milioni di euro, così come gli utili che però mantengono un ampio margine positivo: l'utile netto sfiora infatti i 15,7 milioni di euro. Sono i dati relativi al risultato finanziario preliminare del 2022 per il gruppo Sabaf, società bresciana - quartier generale a Ospitaletto - fondata nei primi anni Cinquanta e oggi tra i leader mondiali nella produzione di componenti per apparecchi domestici per la cottura a gas.

Sabaf: i dati del bilancio

L'esercizio 2022, come detto, si chiude con ricavi di oltre 253 milioni, in calo del 3,9% rispetto ai 263 milioni dell'anno precedente: il margine operativo lordo (ebitda) si attesta a quota 40,1 milioni di euro, pari al 15,8% del fatturato (-25,9% sul 2021), mentre il risultato ante oneri finanziari (ebit) si attesta a 21,9 milioni. Il gruppo segnala un rallentamento soprattutto nel secondo semestre del 2022, periodo in cui è stata comunque portata a termine l'acquisizione (al 100%) del capitale di Pga srl, società con sede a Fabriano (Ancona) e operante da oltre 25 anni nel campo della progettazione e dell'assemblaggio di schede elettroniche per il settore degli elettrodomestici (aspirazione, refrigerazione, controllo della qualità dell'aria, erogazione dell'acqua). L'accordo raggiunto ha previsto, ricordiamo, una valutazione preliminare di Pga di poco inferiore ai 10 milioni di euro.

Il nuovo anno è cominciato in ripresa, con aumento delle vendite e stabilizzazione dei volumi superiori addirittura all'epoca pre-Covid: per il 2023 è atteso dunque un progressivo miglioramento dei risultati aziendali. 

Il gruppo Sabaf

Fondata nel 1950, Sabaf è cresciuta costantemente fino a divenire, tramite il gruppo omonimo, il principale produttore in Italia e uno tra i primi produttori mondiali di componenti per apparecchi elettrodomestici. La produzione si articola su tre linee principali: componenti per la cottura a gas (rubinetti e bruciatori), cerniere e componenti elettronici. Il gruppo Sabaf impiega più di 1.500 dipendenti ed è attivo, con la capogruppo Sabaf Spa e con le controllate Sabaf do Brasil, Sabaf Turchia e Sabaf Cina, nella produzione di bruciatori domestici; con ARC nella produzione di bruciatori per la cottura professionale; con Faringosi Hinges e CMI nella produzione di cerniere per forni e lavastoviglie; con Okida e PGA nel settore della componentistica elettronica per elettrodomestici.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ospitaletto, gruppo Sabaf: nel 2022 fatturato a 253 milioni, utili a 15,7 milioni

BresciaToday è in caricamento