Domenica, 14 Luglio 2024
social Iseo

Apre nuovo ristorante da sogno: chef d'eccellenza e la vista è mozzafiato

La nuova avventura della chef (stellata) Nadia Vincenzi

Una nuova avventura, come sempre fedele alla sua linea culinaria, per ricominciare da dove aveva lasciato: anzi, per risorgere. “Lo avevamo detto in tempi non sospetti – scrive Nadia Vincenzi su Facebook – quando avevamo dovuto chiudere per cause di forza maggiore: riapriremo. Quel giorno sta arrivando: sabato 16 aprile (servizio serale) il ristorante Da Nadia riaprirà le porte della sua visione del gusto nella nuova location del Relais Mirabella, a Clusane d'Iseo. Senza voler mischiare in modo offensivo il sacro con il profano, sarà il modo per festeggiare non solo la Pasqua ma anche la nostra resurrezione, dopo un periodo molto difficile. Non vediamo l'ora di riabbracciarvi tutti, di farvi assaggiare i nostri grandi classici e alcune novità”.

Dagli albori alla stella Michelin

Nadia Vincenzi è una delle chef in rosa più note e apprezzate non solo della Lombardia, ma di tutta Italia. Una carriera ormai più che trentennale, inaugurata con il suo primo ristorante a Rovato (si chiamava “San Giuseppe”) poi a Sarnico (“Al Desco”), sul lago d'Iseo, ancora a Castrezzato e infine a Erbusco, dal 2017 fino ai primi mesi dello scorso anno: è il ristorante “Da Nadia” che fu costretto alla chiusura per via delle complicazioni causate da Covid, lockdown, varie ed eventuali. Nel mezzo anche una stella Michelin, consegnata (e meritata) nel 2012. 

Ma adesso si ricomincia, davvero, con una vista mozzafiato – “Perché anche gli occhi hanno bisogno di saziarsi con la bellezza del paesaggio”, scrive ancora Nadia – e tanta voglia di rimettersi in pista, in quella che sarà “una nuova location fra lago e cielo”. 

Chi è la chef Nadia Vincenzi

Romagnola d'origine, nel 1957 si trasferisce con la famiglia in Molise, che diventa la sua regione d'adozione. Così Nadia Vincenzi, ancora bambina, si trova catapultata “in una delle terre più sconosciute e ignorate dagli italiani”. Ma è proprio qui che il padre Walter inaugura quella che sarà una “bellissima storia” di ristorazione di famiglia: è laggiù in Molise che, ancora oggi, il fratello di Nadia ha un suo ristorante.

“L'alta marea mi ha portato al Nord”, raccolta parlando di sé e delle sue “avventure” in terra lombarda, da Sarnico a Erbusco e ora a Clusane, di nuovo sul lago d'Iseo. Ormai da 30 anni Nadia Vincenzi serve “al rigido e burbero cuore del Nord” un cocktail di sapori ed esperienze che si compone dell'accoglienza tipica della Romagna e della rigogliosa (anche se poco nota) semplicità degli ingredienti molisani. “Ancora oggi – ammette Nadia – dedico ogni mio giorno di vacanza o momento di libertà alla ricerca di nuovi ingredienti e abbinamenti”.

Prima ancora di (ri)cominciare, ci sono già alcuni piatti cult. Consigliati direttamente da Nadia Vincenzi: Zuppa di pesce con crostacei e pesce di scoglio in tegame di terracotta; Lupini alla maniera di Nadia, serviti nel coccio con bruschetta; Cappelletti ripieni di ricotta dell'alto Molise, caviale Calvisius fumetto di pesce al vino bianco, gamberi rossi crudi; Spaghetti cacio e pepe su letto di scampi crudi. Tutto il resto in un menu ancora da scoprire.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Apre nuovo ristorante da sogno: chef d'eccellenza e la vista è mozzafiato
BresciaToday è in caricamento