menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto da turismobrescia.it

Foto da turismobrescia.it

Casoncelli e polenta, coniglio e spongada: buona Pasqua con i piatti tipici bresciani

Pronti al pranzo di Pasqua, anche se in quarantena? Abbiamo selezionato alcuni dei piatti bresciani che più tipici non si può, per stare vicini anche se obbligati a stare lontani

Mai l'avremmo detto, un anno fa, di passare un'altra Pasqua con cotante limitazioni: pare davvero sia questo l'ultimo sforzo, aspettando i vaccini, per circoscrivere l'incedere dell'emergenza sanitaria (che, ricordiamo, nel solo mese di marzo ha causato altre 500 vittime solo in provincia di Brescia). Nell'Italia che sarà tutta zona rossa esistono però delle deroghe, per visite a parenti e ad amici (non più di una al giorno, e massimo in due persone conviventi oltre ai pargoli). Quindi niente grigliate sui monti, o pranzi allargati che più larghi non si può. Ma per sentirci un po' meno soli, perché non rispolverare alcuni piatti della tradizione bresciana, da cucinare e degustare anche a distanza, aspettando tempi migliori.

Partiamo dalle uova sode (perché no, anche a colazione) fino ad arrivare alla spongada della Valcamonica: abbiamo selezionato per voi alcuni dei piatti tipici della tradizione che non possono mancare, nemmeno quest'anno, sulle tavole dei bresciani.

Per cominciare: uova sode e casoncelli

L’uovo sodo di Pasqua è una tradizione millenaria che va al di là dei confini bresciani: senza esagerare, può essere un gustoso antipasto (magari accompagnato a salumi nostrani, misticanza di verdure e altre gustose amenità) prima di inaugurare il nostro pranzo con i classici casoncelli. Come ricordano gli esperti, i casoncelli sono la variante bresciana del raviolo ripieno, di carne o verdura, serviti con burro fuso e salvia. In dialetto si chiamano casonsèi: le loro origini si perdono nella notte dei tempi, perché i primi documenti che ne parlano risalgono al XV secolo, quindi più di mezzo millennio fa.  

Coniglio alla bresciana e polenta

In alternativa ai grandi classici della tradizione, agnello e capretto, vi proponiamo un piatto che è altrettanto classico: il coniglio alla bresciana. E’ considerato ancora oggi una prelibatezza, ma che necessità di una certa dimestichezza nella preparazione, affinché la carne non risulti troppo arida o prosciugata. Nelle varie ricette storiche non mancano il burro, il lardo e il vino bianco per rendere le carni del coniglio tenere e gustose. Il tutto accompagnate da una saporita polenta, magari taragna: presumibilmente si ritiene che il nome derivi da tarèl, termine che stava a indicare il bastone necessario a “tarare” la polenta, cioè a mescolarla in continuazione per evitare che si attacchi sul fondo del paiolo.

La spongada della Valcamonica

Gran finale dolce, dolcissimo, con la celebre spongada della Valcamonica: è ormai tipico della tradizione bresciana, ma si dice abbia origine da Erbanno, frazione di Darfo Boario Terme. Veniva inizialmente preparata esclusivamente nel periodo pasquale, mentre oggi viene cucinata tutto l’anno. Nel dettaglio, si tratta di una focaccina dolce, ottima da accompagnare a marmellate fatte in casa, sfizioso toccasana come merenda per i bimbi.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Ghedi: morto l'imprenditore agricolo Giovanni Chiappini, ucciso da un infarto

  • Incidenti stradali

    Auto 'vola' in un campo e si ribalta in un fossato: paura per una donna

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento