Venerdì, 24 Settembre 2021
social

Tutti pazzi per le Big Bench: il tour delle panchine giganti bresciane

Big Bench che passione

Sentirsi piccoli piccoli, anche solo per pochi attimi, non solo per le dimensioni delle maxi-panchine (che sono alte più di due metri e larghe quasi quattro): è l'occasione dorata per perdersi nell'immensità della natura, spesso percorrendo strade secondarie e sentieri che non tutti conoscono. Va in questa direzione il tour delle 14 panchine giganti bresciane – le celebri Big Bench: fanno parte di una vera community, più di un centinaio solo in Italia – proposto da VisitBrescia, il portale del turismo del consorzio Bresciatourism.

Ce ne sono un po' dappertutto, come detto sono 14 in provincia di Brescia: la più affollata è la Valle Camonica, con 8 panchine, seguita dal lago d'Iseo e la Valsabbia, che ne hanno entrambe due a testa, e poi la Franciacorta, il lago di Garda e l'hinterland. Vediamole insieme.

Le Big Bench di Valcamonica e lago d'Iseo

Cominciamo dalle placide acque del lago d'Iseo, dove sono presenti (in colline, ma con una vista lago mozzafiato) le panchine giganti di Pilzone d'Iseo, in località San Fermo, e di Sale Marasino, in località Maspiano. Poi, la zona più ricca di Big Bench, ovvero la Valcamonica. Qui le possiamo trovare a Paspardo, la prima del circondario, e poi a Borno, Breno, Capo di Ponte, Darfo Boario Terme (sulla collina del Monticolo), Edolo, Incudine e Lozio. Da non perdere, con viste sul Pizzo Camino, la Concarena, le incisioni rupestri.

Panchine giganti sul Garda e in Valsabbia

Siamo in Valsabbia per motivi geografici, anche se ben sappiamo che i due territori in arrivo sono sempre stati un po' di confine: a partire da Nuvolera, dove è stata inaugurata l'ultima Big Bench bresciana, collocata sul sentiero del Carso bresciano che unisce Rezzato a Vallio Terme, proseguendo poi per Muscoline, alle porte della Valtenesi; è in quel di Castrezzone, sulla collina dell'azienda agricola La Guarda, che spunta la prima (e unica) panchina rosa, con dedica al vino Chiaretto. Infine, a Cisano di San Felice del Benaco: è qui, alle spalle della Fondazione Cominelli, che brilla la luce di un Big Bench gialla.

Ultime tappe: la Franciacorta e l'hinterland

Sono le ultime due tappe del nostro curioso cammino. In ordine alfabetico partiamo dalla panchina gigante di Collebeato, all'interno del Parco delle Colline (che è un Plis, cioè un Parco locale d'interesse sovracomunale) e per la precisione sul Monte Peso, sopra il Casì de Feo e nei pressi del Sentiero 3V. Per ultima, ma non per importanza, la Big Bench di Rovato, posta ai piedi del Monte Orfano all'interno del parco di Villa Cantù. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tutti pazzi per le Big Bench: il tour delle panchine giganti bresciane

BresciaToday è in caricamento