Arrivano i Plastic Busters: ragazzi bresciani alla conquista della Nasa

Consegnato il premio di “Galactic Problem Solver” a Benedetta Fugazza: la ragazza del Liceo Leonardo ha partecipato alla Nasa Space Apps Challenge

Già li chiamano i Plastic Busters, gli “acchiappaplastica”: sono i quattro giovanissimi che lo scorso ottobre hanno partecipato alla tappa bresciana della Nasa Space Apps Challenge, e che con il loro progetto – un prototipo chiamato “Elephant”, che sarebbe in grado di risucchiare la plastica dai mari grazie a una proboscide robotica – si sono meritati il premio di “Galactic Problem Solver”, cioè coloro che risolvono.. problemi galattici.

Da Brescia a tutto il mondo: 200 città in gara

Il premio è stato consegnato in particolare a Benedetta Fugazza, ragazza di 19 anni che frequenta la quinta P del liceo Leonardo di Brescia: il 19 e il 20 ottobre si è presentata al Mo.Ca (Palazzo Martintengo-Colleoni) per partecipare alla Space Apps Challenge, la sfida lanciata dalla Nasa in oltre 200 città del mondo, e che lo scorso anno ha coinvolto 2.295 persone e 311 squadre.

Tra queste c'erano anche 26 ragazzi bresciani, e cinque squadre nostrane: compreso il dream team di Benedetta, scesa in campo insieme ad Alessandro Crispiels, Andrea D'Amore e Andrea D'Urso con il loro “Elephant”. “La spazzatura nell'oceano sta devastando l'ecosistema – spiegano – e la nostra sfida è quella di creare qualcosa che possa aiutare a ripulirli dai rifiuti”.

Il progetto "Elephant" nei dettagli

“Il nostro obiettivo – dicono i ragazzi – è quello di ripulire gli oceani dalla plastica e dalle microplastiche. Il progetto l'abbiamo chiamato Elephant, perché questa piccola barca raccoglie i rifiuti con una simil-proboscide: in seguito i rifiuti vengono separati tra plastiche e microplastiche grazie a un filtro apposito. La speranza – conclude infine Benedetta Fugazza – è di poter migliorare il sistema di pulizia di mari e oceani in modo autonomo e sostenibile”. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La Nasa Space Apps Challenge

La Nasa Space Apps Challenge è sbarcata per il secondo anno a Brescia: chissà se ci sarà anche il terzo, il prossimo ottobre. Nella pratica è una “gara di idee”, in contemporanea mondiale, in cui giovani e meno giovani sono chiamati a cercare e trovare soluzioni a problemi spaziali e terrestri, indipendentemente dalle competenze o dal livello di istruzione di chi partecipa, senza limiti d'età. Tutti i progetti sono stati presentati in inglese, e poi concessi in licenza Open Source, quindi non protetti da copyright, liberamente accessibili e modificabili da tutti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: primo bambino positivo in una scuola bresciana, classe in isolamento

  • Masturbava ragazzini al parco, in cambio gli comprava scarpe e spinelli

  • Incidente in A4 tra Desenzano e Brescia: chilometri di code

  • Precipita per oltre 8 metri: muore sotto gli occhi dei nipotini di 6 e 8 anni

  • Un uomo e un ragazzo fanno sesso sul ciglio della strada: multa da 20.000 euro

  • Apre nuovo supermercato: maxi-store da 3.800 mq aperto tutti i giorni

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento