rotate-mobile
social Via Milano / Piazza Don Giovanni Teotti

Urban art festival: un gigantesco murales colora i muri della città

Inaugurato al Villaggio Violino il gigantesco murales di Vesod, artista piemontese noto in tutto il mondo: è la seconda tappa di Link – Urban art festival

Un gigantesco murales per dare nuova vita (artistica) e colore al quartiere del Villaggio Violino: dopo circa tre settimane di lavoro si è conclusa l'opera di Vesod, l'artista chiamato a realizzare il maxi-dipinto sul muro di un palazzo in Piazza Teotti. L'iniziativa fa parte del progetto “Link – Urban art festival”, il festival di arte urbana organizzato dall'associazione True Quality in collaborazione con il Comune di Brescia.

Il festival è ripartito la scorsa estate, in agosto, con il primo grande intervento murale. In ordine cronologico, dal 17 al 21 agosto Taleggio e Giovanni dallo Spazio, due artisti bresciani astrattisti, hanno realizzato il primo intervento a pavimento sul campo da pallavolo della scuola Canossi, in Via Gheda al quartiere Lamarmora.

La maxi-opera di Vesod

Dopo di loro è toccato a Vesod, artista figurativo piemontese attivo in tutto il mondo: la sua è la parete più grande del festival edizione 2020. E' sceso in “pista” dal 21 settembre, in Piazza Teotti: l'opera è stata ufficialmente inaugurata giovedì 8 ottobre. Il suo murales è come una danza, donne sospese a metà negli ingranaggi del tempo, con richiami all'arte sacra: e tutto intorno, la cupola e gli interni del Duomo.

Ultima tappa a San Bartolomeo

Quella di Vesod è la seconda e penultima “tappa” (e penultima opera) del Link Urban art festival: nelle prossime settimane – anche se la data è ancora ufficialmente da stabilire – il festival si sposterà a San Bartolomeo per l'ultimo intervento su una grande parete. Per l'occasione, in un palazzo di Via Umberto Saba, si metterà al lavoro l'artista Luogo Comune.

Breve storia di Link – Urban art festival

Negli ultimi quattro anni, il Link – Urban art festival ha visto avvicendarsi più di 30 artisti affermati a livello internazionale, all'opera su diverse aree urbane della città. Le prime tre edizioni sono andate in scena nei dintorni della stazione della metro di Sanpolino, coinvolgendo 27 artisti nella decorazione di 26 piloni strutturali del viadotto metropolitano: come in una galleria d'arte a cielo aperto, lunga quasi un chilometro.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Urban art festival: un gigantesco murales colora i muri della città

BresciaToday è in caricamento