Coronavirus, riaprono anche i rifugi: le 10 regole da rispettare

Il Club alpino italiano ha pubblicato un vero e proprio decalogo per i frequentatori di rifugi: solo nel Bresciano sono 54, su un totale di 219 in Lombardia

Rigugio Aviolo (foto di Nicola Stanga)

Il 18 maggio è finalmente arrivato, anche per le montagne bresciane: con il via libera alla stragrande maggioranza delle attività commerciali ora possono riaprire anche i rifugi, tappa obbligata per gli appassionati di trekking, arrampicata, escursioni e sport montani in generale, sia per fermarsi un attimo a riprendere fiato, a rifocillarsi prima di rimettersi in cammino, oppure per restare una notte, immersi nella natura e nel silenzio.

Il decalogo del Club alpino italiano

In merito alle riaperture dei rifugi, il Club alpino italiano ha pubblicato un vero e proprio decalogo per i frequentatori, dieci regole comportamentali cui tutti gli appassionati di montagna dovranno attenersi per un ritorno alla frequentazione dei rifugi all'insegna del rispetto di sé e degli altri, della responsabilità, dell'educazione e della correttezza. Nasce così il “Piano rifugio sicuro”, elaborato dal Cai attraverso la Commissione centrale rifugi.

Di seguito le dieci regole di comportamento:

  1. Prenota il pernottamento in rifugio, quest’anno è obbligatorio
  2. Prima di iniziare l’escursione, assicurati di essere in buona salute
  3. Attendi all’esterno del rifugio le indicazioni del gestore!
  4. Consuma – meteo permettendo – bevande, caffè, torte e pasti veloci all’esterno del rifugio
  5. Lascia il tuo zaino e la tua attrezzatura tecnica dove appositamente predisposto dal gestore
  6. Assicurati di avere con te mascherina, guanti e igienizzante a base alcolica; utilizzali quando entri nel rifugio e comunque sempre quando non puoi rispettare la distanza di sicurezza
  7. Porta con te il tuo sacco lenzuolo o il tuo sacco a pelo per pernottare al rifugioù
  8. Lavati spesso le mani ed utilizza i tuoi asciugamani personali
  9. Ricorda che il gestore può sottoporti al controllo della temperatura e che, se superiore a 37,5°, può vietarti l’ingresso al rifugio
  10. Riporta i tuoi dispositivi individuali di protezione usati ed i tuoi rifiuti a valle

Alla scoperta dei 54 rifugi bresciani

“Responsabilità, autoregolamentazione e prudenza devono ispirare ogni frequentatore della montagna, ancora di più nell'attuale situazione – spiega Vincenzo Torti, presidente generale Cai – Il rispetto delle raccomandazioni per la corretta frequentazione dei rifugi potrà evitare il ritorno a una chiusura delle Terre alte e a una limitazione delle possibilità di frequentarle”.

Ma quanti sono i rifugi bresciani? In tutto sono 54, su un totale di 219 rifugi accreditati in tutta la Lombardia. Ne abbiamo parlato in questa guida, dove è presente un vero e proprio censimento. Qualche nota curiosa: il rifugio più alto è il Maria e Franco sul Passo Dernal, a 2.574 metri d'altitudine; seguono il Rifugio Garibaldi sul Venerocolo (2.548 metri) e il Rifugio Bozzi A sul Montozzo (2.478 metri). I due più bassi si trovano solo a 1.200 metri: il Rifugio Loa, nell'omonima località, e il Rifugio Croce sulla Croce al Vago. L'elenco aggiornato è comunque consultabile sul portale Rifugi di Lombardia.

Un bando regionale da 2 milioni di euro

E' stato pubblicato in questi giorni anche il Bando rifugi di Regione Lombardia, dedicato ai rifugi alpinistici ed escursionistici e che prevede uno stanziamento di quasi 2 milioni di euro. “Con questo bando – spiega il consigliere regionale Floriano Massardi – le risorse a disposizione ammontano a 1,930 milioni di euro: potranno presentare domanda i gestori di rifugi iscritti all'elenco regionale”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Questo bando – continua Massardi – concede contributi per interventi connessi alla gestione dell'emergenza Covid, per adeguamento e interventi di innovazione tecnologica e riqualificazione, anche finalizzati all'abbattimento di barriere architettoniche. I progetti presentati potranno essere finanziati fino a un massimo dell'80% a fondo perduto, per un massimo di 100mila euro”. Non saranno ammessi progetti con valore inferiore ai 7mila euro: le domande si chiuderanno il 15 giugno.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Brescia: terremoto di magnitudo 2.7, epicentro a Caino

  • "Oltre 2300 in terapia intensiva, governo pronto al nuovo lockdown in Italia"

  • Tentato suicidio a scuola: ragazzina si butta dal balcone

  • Coprifuoco in tutta la Lombardia, ok del governo: dalle 23 stop attività e spostamenti

  • Dpcm 18 ottobre: le nuove misure della stretta in arrivo oggi

  • Autocertificazione covid Lombardia: modulo da scaricare Ottobre 2020

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento