rotate-mobile
social

Monopoly Brescia: dalla Mandolossa alla Loggia, la città ora è un gioco da tavolo

Impazza sui social la versione bresciana

Ormai da un paio di giorni è "trend topic" sulle bacheche social di tantissimi bresciani: fotografie, video, reels a volontà. Tutti parlano del Monopoly Brescia, ovvero la versione nostrana del gioco da tavolo tra i più famosi del mondo: "Ma quanto mi incuriosisce", ha scritto su Facebook anche il sindaco Emilio Del Bono. Conto alla rovescia: il Monopoly bresciano sarà disponibile dal 16 novembre (ma in alcuni store c'è già) nei supermercati Conad di Brescia e provincia, al prezzo di 27,90 euro. Ma per l'acquisto di ogni scatola, Conad donerà 1 euro a favore di Abe, l'Associazione Bambino Emopatico dal 1981 al fianco di bambini affetti da leucemia, tumori, immunodeficienze e patologie ematologiche croniche.

Il Monopoly bresciano

In attesa che tutti possano giocarci dal vivo, c'è chi ha già avuto la fortuna di fare l'unboxing del Monopoly Brescia. Sulla copertina della scatola si stagliano alcuni dei luoghi simbolo della città, dal Duomo al Castello a Piazza della Loggia. Ma i luoghi della città (e della provincia) sono presenti ovviamente anche sul tavolo da gioco. 

In ordine crescente di valore (come tutti dovrebbero ormai sapere, il Monopoly è diviso in piccoli lotti, ognuno con un valore di mercato: su questi lotti si possono costruire case e alberghi, e gli avversari che ci finiscono sopra devono pagare una tassa al proprietario) si parte dal Villaggio Prealpino e San Polo, si continua con la Mandolossa, Via Milano e Villaggio Violino, Chiesanuova, Villaggio Sereno e Quartiere Abba, Brescia 2, Sant'Eufemia e Piazzale Arnaldo, le tre storiche piazze (Loggia, Vittoria e Paolo VI), Via San Faustino, Mompiano e San Bartolomeo, i tre laghi (Garda, Iseo e Idro), per concludere con Viale Venezia e la Maddalena.

Non mancano le caselle della tassa di lusso, la prigione, le probabilità e gli imprevisti: ogni tanto spunta un Conad (ma ci sta) e al posto delle "stazioni" (presenti nel Monopoly originale) troviamo le tre valli bresciane (Valcamonica, Valsabbia e Valtrompia), oltre alla Franciacorta. 

Come si gioca a Monopoly

Monopoly, marchio registrato Hasbro, è definito il "gioco di contrattazione" più famoso del mondo. Scopo del gioco è appunto diventare "monopolista", restare l'ultimo "finanziere" in partita dopo che tutti gli altri hanno fatto bancarotta. Al proprio turno, ogni giocatore lancia i dadi e si avventura sul tabellone, tra l'acquisto di terreni, stazioni o società, il pagamento di affitti e la costruzione di case e alberghi, le sorprese rappresentate dalle carte degli imprevisti e delle probabilità, il rassicurante ritiro dello "stipendio" ogni volta che, completato un giro, si passa dal Via.

Non solo Brescia, ne esistono un'infinità di versioni: il Monopoly Roblox, quello ispirato al gioco Animal Crossing, e ancora Monopoly Lightyear (come nel film della Disney Pixar), Marvel e Ghostbusters, Monopoly Italia solo per citarne alcuni (e tempo fa si stava lavorando a una versione sul lago di Garda).

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Monopoly Brescia: dalla Mandolossa alla Loggia, la città ora è un gioco da tavolo

BresciaToday è in caricamento