Troppi selfie, Salvini si è fatto male alla spalla: "Ho preso tre Muscoril"

Incredibile ma vero: un'infiammazione alla spalla per il leader della Lega Matteo Salvini, troppi selfie in campagna elettorale

Chissà se anche questo può essere considerato un infortunio sul lavoro: “Mi fa male la spalla, ho preso tre Muscoril” (un farmaco antinfiammatorio indicato per i dolori articolari, ndr). L'ha detto proprio Matteo Salvini nel corso di uno dei tre comizi (in tre ore) in provincia di Bergamo: il leader della Lega era in zona per sostenere i candidati del Carroccio dei Comuni di Almè, Cene e Sorisole alle prossime amministrative (si vota il 20 e il 21 settembre anche in provincia di Brescia).

Troppi selfie e mal di spalla

Il motivo del dolore è presto detto, come riferito dal suo stesso staff: niente a che vedere con il probabile mal di testa per i magistrati che indagano sui (presunti) strani movimenti di fondi riconducibili al partito, né tanto mano qualche rito voodoo dei suoi avversari politici. La colpa sarebbe dei troppi selfie di queste ultime settimane.

Stop alle foto per qualche giorno

E' ormai diventato un rito, un marchio di fabbrica, una precisa strategia di comunicazione (adeguata ai tempi del social ad ogni costo): fotografie a go go per soddisfare le richieste dei numerosi fan. Sarebbe questa la causa di un'improvvisa infiammazione alla spalla sinistra, dovuta appunto ai reiterati movimenti dal basso verso l'alto, per portare a termine i citati autoscatti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Incredibile ma vero, succede anche questo: per sopperire all'imprevista difficoltà, infatti, almeno per gli ultimi comizi bergamaschi la fase selfie è stata ridotta ai minimi termini. Qualche scatto di rito, insomma il minimo sindacale, ma senza esagerare: almeno fin quando il dolore non passerà. Impegni politici (e selfie) permettendo. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm, barista bresciana si ribella: “Io non chiudo alle 18, arrestatemi”

  • Coronavirus, Crisanti: "Vi spiego perché il Natale può essere un'opportunità"

  • Uccisa dalla malattia in poco più di una settimana, Denise muore a soli 21 anni

  • Covid: a Brescia oltre 300 nuovi casi e una vittima, i nuovi contagi Comune per Comune

  • Svuota le casse dell’azienda, compra borse e auto di lusso: nei guai impiegata

  • Coronavirus, 177 contagi in 24 ore: i nuovi casi Comune per Comune

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento