rotate-mobile
Mercoledì, 17 Agosto 2022
social

Acciaio e rotaie, Lucchini Rs tra passato e futuro: il fatturato vola a 468 milioni

Fatturato vicino al mezzo miliardo

Vendite per 468 milioni di euro nel 2021, +15,9% sull'anno precedente: stabili, anzi in lievissimo aumento gli utili, che si attestano a quota 24,8 milioni. Sono i numeri del bilancio 2021 della Lucchini Rs, storico marchio del settore siderurgico - tra i leader al mondo nella produzione di materiale rotabile per le ferrovie: non solo rotaie ma anche assali e ruote dei treni - con quartier generale a Lovere, sul lago d'Iseo (e sede legale a Brescia), da dove tutto è cominciato ormai più di un secolo e mezzo fa (correva l'anno 1856).

Lo sguardo al passato, proiettato al futuro: tra gli obiettivi a breve e medio termine sicuramente nuovi investimenti sul fronte fotovoltaico, da installare e implementare in tutti gli stabilimenti del gruppo, e ancora lo stoccaggio e l'utilizzo di idrogeno, come alternativa al gas. Il brand Lucchini Rs è controllato dalla Sinpar Spa: il gruppo conta 2.049 dipendenti in Italia e all'estero, da cui derivano più di due terzi delle vendite (il 71%). Il patrimonio netto sfiora il mezzo miliardo di euro.

Il gruppo siderurgico Lucchini

L'attività aziendale del gruppo siderurgico Lucchini è identificata in due divisioni: produzione di componenti ferroviari di alta gamma (ruote, assali e sale montate destinati all'alta velocità, alle locomotive, ai treni, ai tram e alle metropolitane) e produzione di forgiati a disegni e fusi per varie applicazioni come generatori elettrici, oil&gas, piattaforme offshore, lavorazioni di cemento, impianti industriali, trasporti navali. Lucchini Rs produce anche una grande varietà di acciai per utensili, per stampi in plastica, pressofusione ed estrusione.

Il gruppo è presente in Italia con Lucchini Rs, Lucchini Industries, Lucchini Mamè, Lucchini Fa.Ro: in Europa con Lbx (Belgio), Lur (Inghilterra) e Lucchini in Polonia, Austria e Svezia, e ancora in Asia (Cina e India), in Sud Africa e negli Stati Uniti. Tra i servizi di Lucchini anche il Centro europeo di Ispezione metallurgica (Emic), area dedicata ai controlli in ambito industriale.

La storia di Lucchini Rs

Una storia che comincia da molto lontano: il primo stabilimento di Lovere, come detto, risale al 1856 ad opera dell'imprenditore Giovanni Gregorini. E' dei primi anni del XX secolo la specializzazione in produzione di ruote e assili ferroviari: la Lovere Sidermeccanica verrà poi privatizzata e acquisita dal gruppo Lucchini nel 1990, nel quadro di cessioni previste secondo il piano di riassetto siderurgico a partecipazione statale. Il brand Lucchini Rs (e il nuovo logo) nasce nel 2008: è negli anni Duemila che vengono aperti anche i primi stabilimenti all'estero (Polonia, India e Cina).

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Acciaio e rotaie, Lucchini Rs tra passato e futuro: il fatturato vola a 468 milioni

BresciaToday è in caricamento