rotate-mobile
social Monte Isola

Il padre le uccide il fidanzato, lei si suicida: la leggenda che muove le tempeste

Lago d'Iseo, il mito sulla nascita della Sarneghera

Puntuale, puntualissima ogni anno la Sarneghera si affaccia sul lago d'Iseo, portando non pochi danni. Secondo una leggenda, il fenomeno atmosferico sarebbe collegato alla tragica morte di una ragazza: si sarebbe uccisa, gettandosi nel lago, per una drammatica e fatale delusione d'amore.

La love story con il pescatore

La leggenda è nota, un cult sul Sebino e nei dintorni, in Valcamonica e in gran parte della provincia di Brescia. La ricorda anche il Comune di Iseo: il mito narra la storia di una giovane di Montisola, promessa sposa di un nobile della Franciacorta. La giovane non ne voleva proprio sapere di sposare il signorotto, scelto dal padre per ragioni di interesse: oggi come ieri, un matrimonio combinato.

Per questo ogni giorno si recava a Sensole, dove specchiandosi nelle acque del lago piangeva il proprio dolore. Un giorno ebbe un mancamento e cadde in acqua: fu un giovane pescatore di Sarnico, che passava di lì per caso, a salvarle la vita. La vide precipitare in acque e corse in suo aiuto: un eroico gesto che tra i due ha fatto scoccare l'amore.

Il brutale annegamento nel lago

Una love story memorabile, fin quando il padre della giovane non intervenne clamorosamente. Ovvero, rinchiuse la ragazza nel castello in cui vivevano, e fece imprigionare il pescatore in una grotta umida e profonda tra i boschi del monte di Sarnico. Passarono diversi mesi, finché non arrivo il tempo del matrimonio combinato di cui parlavamo qualche riga fa.

La nascita della Sarneghera

Per evitare ogni rischio, il padre della ragazza decise in quel momento di far uccidere il pescatore: ordinò ai suoi servi di annegarlo nel lago. Informata da una serva che era come un'amica, la ragazza decise allora di unirsi al destino dell'amato, gettandosi nelle acque del Sebino per ricongiungersi al suo amato pescatore. Nasce così la Sarneghera: tempesta violenta, spesso accompagnata da temporali altrettanto forti. Sarebbe scatenata dai due giovani annegati: si cercano sul fondo del lago per incontrarsi e abbracciarsi, mentre dal cielo tuona vendetta per quell'amore strappato, scatenando vento e pioggia da Sarnico su Montisola e su tutta la Franciacorta.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il padre le uccide il fidanzato, lei si suicida: la leggenda che muove le tempeste

BresciaToday è in caricamento