Michelin 2020: i ristoranti bresciani al top nella guida più prestigiosa al mondo

Sono ancora 13 i ristoranti bresciani che si sono meritati almeno una stella nella Guida Michelin edizione 2020, la più prestigiosa al mondo

Villa Feltrinelli di Gargnano

“Per la sua varietà, che armonizza tradizioni regionali e creatività, per la ricchezza dei suoi prodotti e l'eccellenza dei suoi chef, l'Italia brilla al centro del panorama gastronomico globale”. Bentornata Michelin: l'edizione 2020 della guida ai ristoranti più celebre del pianeta è stata ufficialmente varata, e dunque disponibile per la consultazione dei palati fini e dei curiosi. Sono 33 i nuovi ristoranti stellati in tutta la penisola, come riferisce il direttore internazionale delle Guide Michelin Gwendal Poullenec: locali gourmet e non solo che “si affacciano sulla scena culinaria offrendo la propria, personale testimonianza delle infinite varianti della cucina del Belpaese”.

Una guida che, si sa, parla anche bresciano: su un totale di 374 ristoranti stellati, in tutta Italia, sono 13 (come lo scorso anno) le stelle nostrane. A queste si aggiungono cinque locali nella categoria “Bib Gourmand”, ovvero le trattorie e le osterie dove l'esperienza gastronomica è garantita, anche se si spendono meno di 35 euro a testa.

Le stelle bresciane

Come detto sono 13 le stelle bresciane. Tutti confermati, senza new entry: ma va bene così, nel segno di una tradizione radicata e di volti emergenti della ristorazione che ormai si sono meritati un posto di rilievo nel panorama della gastronomia di qualità. Ma andiamo con ordine. Sono solo due i ristoranti ad essersi meritati le due stelle Michelin: il Miramonti L'Altro di Concesio e Villa Feltrinelli di Gargnano, guidati rispettivamente dagli chef Philippe Leveille e Stefano Baiocco.

Questa invece la magnifica dozzina (o quasi) che ha raggiunto (e mantenuto) il prestigioso riconoscimento della stella: il Gambero di Calvisano, Due Colombe a Corte Franca, Esplanade a Desenzano del Garda, Da Nadia a Erbusco, Lido 84 a Gardone Riviera, Villa Giulia e La Tortuga a Gargnano, il Capriccio di Manerba del Garda, il Sedicesimo Secolo a Orzinuovi, Leon d'Oro a Pralboino, La Rucola 2.0 di Sirmione.

I ristoranti Bib Gourmand

Questi invece, infine, i ristoranti della categoria Bib Gourmand, dove si può cenare e pranzare anche a meno di 35 euro: la Trattoria Eva di Botticino, la Trattoria Porteri di Brescia, la celebra La Madia di Brione, Villa Aurora a Soiano e Il Cortiletto a Toscolano Maderno. La Lombardia si conferma una delle regioni italiane più ricche di talenti in cucina: è la più stellata d'Italia, con 62 ristoranti, e insieme a Campania e Toscana è anche quella con più new entry, il 50% delle nuove stelle.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Due sorelle, lo stesso tragico destino: uccise dal cancro a distanza di 20 giorni

  • Donna trovata morta in campagna: tragedia avvolta nel mistero

  • In arrivo intensa ondata di maltempo, porterà pioggia e abbondanti nevicate

  • Orzinuovi piange la scomparsa del ristoratore Tonino Casalini

  • Brescia, morta Leontine Martin: era al vertice di un'azienda da mezzo miliardo di euro

  • Sposato, padre di 3 figli: prende a schiaffi e pugni la moglie in strada

Torna su
BresciaToday è in caricamento