Batteri fecali e da fogna: tre spiagge bresciane sono fortemente inquinate

La Goletta dei Laghi torna sul Garda e lancia un nuovo allarme: sulle sponde bresciane 3 punti di prelievo sono risultati “fortemente inquinati”

La Goletta dei Laghi è tornata sul Garda: sono 11 i prelievi effettuati in questi giorni in 10 diverse località del Benaco bresciano e veronese, e in quattro di queste (oltre il 36%) è stata rilevata presenza di batteri fecali e “da fogna” (Escherichia coli ed enterococchi intestinali) sopra ai limiti di legge. La percentuale aumenta ancora nel Bresciano, dove su 6 punti di prelievo ben 3 sono risultati addirittura “fortemente inquinati”, ossia in cui la presenza di enterococchi intestinali è risultata maggiore di 1.000 Unità formanti colonia per 100 millimetri di acqua, e la presenza di Escherichia coli maggiore di 2.000 Ufc per 100 ml di acqua.

Il monitoraggio sul Garda bresciano

Queste sono le rive bresciane passate al setaccio dagli attivisti di Legambiente

  • Salò, Spiaggia Le Rive: FORTEMENTE INQUINATO
  • Moniga del Garda, Via Liner (vicino San Sivino): ENTRO I LIMITI
  • Padenghe, Porto: FORTEMENTE INQUINATO
  • Desenzano del Garda, Lega Navale (canale): FORTEMENTE INQUINATO
  • Desenzano del Garda, Lega Navale (scarico a lago): ENTRO I LIMITI
  • Desenzano del Garda, Spiaggia d'Oro: ENTRO I LIMITI

I risultati delle analisi nel Veronese

Per quanto riguarda la sponda veronese, sono risultati entri i limiti di legge i prelievi effettuati a Peschiera del Garda, alla foce del Torrente Riello, al Lido Ronchi (dove scorre il Rio Dugale) a Castelnuovo, alle foci del torrenti Bosca e Marra a Lazise, alla foce del Torrente San Severo a Bardolino. E' risultata invece “inquinato” lo scarico del Torrente Gusa di Garda, con presenze di enterococchi intestinali maggiore di 500 Ufc per 100 ml e di Escherichia coli maggiore di 1.000 Ufc per 100 ml.

“Ancora una volta i dati delle analisi della Goletta ci riconsegnano un quadro di criticità di cui tenere conto – fanno sapere Paolo Bonsignori e Cristina Milani del circolo Legambiente per il Garda – Sappiamo che è urgente mettere mano alla situazione di Salò e Desenzano, dove gli sfioratori di piena sono spesso i veri imputati dell'immissione di acque non trattate nel lago. A Padenghe, invece, permane una situazione di stallo: ormai da 10 anni quel punto risulta fuori dai limiti, tra l'altro ricompreso in un'area balneabile”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Una situazione che si ripete praticamente in tutti i laghi lombardi. Tra i 30 punti di prelievi dei vari baci d'acqua dolce della Lombardia (Garda, Iseo, Como, Ceresio e Maggiore) solo 15 sono risultati entro i limiti, 4 invece “inquinati” e ben 11 “fortemente inquinati”. Tra questi anche due lidi (su sette punti monitorati) sul lago d'Iseo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ha aperto il nuovo ipermercato: un maxi-store da 5.788 mq (e 120 dipendenti)

  • Il figlio non risponde, è a letto privo di sensi: giovane medico in fin di vita

  • Alcol a minori, sporcizia ovunque e cibo scaduto: 12.000 euro di multa per un fast food

  • Prostituzione fuori controllo, 200 escort attive, clienti anche di giorno

  • "Gentile cliente, il punto vendita chiude": 50 dipendenti scaricati con un cartello

  • Altro caso Covid a scuola, il primo sul Garda: bimbi in quarantena nella Bassa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento