social Trenzano

La rivincita dello spiedo: due giovani bresciani al top dello street food italiano

Hanno meno di 50 anni in due

E' il truck food di Fumetto, in arrivo da Trenzano, il miglior food truck italiano nella categoria “People's Choice”, ovvero il riconoscimento “popolare” decretato dal pubblico di Eatinero, il festival del cibo di strada itinerante – in scena lo scorso weekend a Cremona – che ha celebrato la finale italiana degli European Street Food Awards, il più importante concorso di street food al mondo. 

Nella graduatoria “ufficiale”, stilata dalla giuria di qualità composta da Barbara Manfredini, Andrea Fontana e Marcello Ferrarini, i nostrani di Fumetto si sono piazzati al terzo posto: primo premio invece a Porcobrado, specialità panini con carne di cinta senese (che sono già cult), e secondo posto per Rock Burger, specialità hamburger gourmet direttamente da Torino.

Grande soddisfazione, comunque, per i bresciani di Fumetto: al centro della loro proposta un panino gourmet farcito con carne di maiale o manzo prima affumicata e poi cotta allo spiedo, e servita in quattro differenti combinazioni; tra le proposte anche servizi di catering e spiedo bresciano, nel pieno rispetto della ricetta tradizionale (carne cotta per oltre 6 ore a brace lenta, ricoperta di burro di malga).

Il viaggio del gusto dei gnari di Fumetto

Il food truck è un Daimler-Benz del 1986: un pezzo vintage con tutti pezzi originali dell'epoca, curato nel dettaglio per creare un allestimento di forte impatto. “La scelta di aprire un food truck – spiegano Emanuele Bregoli e Roberta Anzioso, 47 anni in due e titolari di Fumetto – la dobbiamo alla nostra voglia di viaggiare, di incontrare nuove persone e di fare panini. Amiamo comporli nei modi più bizzarri che esistano: è proprio così che facciamo felici le persone”. Ma perché Fumetto? “E' il nome che abbiamo scelto quando brevettammo il nostro prodotto: l'unico panino al mondo con carne prima affumicata e poi cotta allo spiedo”.

Il primo premio al panino cult di Porcobrado

Sullo sfondo il grande successo della carovana di Eatinero e della finale italiana degli European Street Food Awards. Migliaia di visitatori si sono radunati in Piazza Roma per tutto il weekend: la giuria di qualità, come detto, ha voluto premiare Porcobrado, un marchio che è già un cult (provenienza Cortona, provincia di Arezzo) dove la carne di cinta senese, a chilometro meno che zero, viene affumicata con legno di melo e ciliegio, e poi marinata con una ricetta (segreta) di spezie. La cottura finale avviene in un barbecue speciale appositamente realizzato, che permette di cuocere la carne a bassa temperatura bagnandola con il proprio grasso, fondente. “Porcobrado è un'idea, è libertà e spensieratezza”, ha commentato Angelo Polezzo, ideatore e proprietario del marchio.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La rivincita dello spiedo: due giovani bresciani al top dello street food italiano

BresciaToday è in caricamento