rotate-mobile
social

Nuovi capannoni per 42 milioni di euro: il maxi-investimento di Cembre

Annunciati investimenti per 42 milioni di euro

Vale 42 milioni di euro il progetto relativo all'ampliamento della capacità produttiva della linea di prodotto "Connettori elettrici" della Cembre spa, azienda bresciana fondata in città nel 1969 (dove c'è ancora il quartier generale) e oggi gruppo internazionale che controlla altre cinque società in Germania, Francia, Spagna, Gran Bretagna e Stati Uniti. Cembre progetta, produce e distribuisce connettori elettrici ed accessori per cavo, settore nel quale ha raggiunto posizioni di leadership in Italia e ha conquistato importanti quote di mercato a livello europeo (e non solo).

Per realizzare l'ampliamento il gruppo ha ottenuto un'agevolazione nella forma di contributi a fondo perduto: il progetto agevolato rientra nel bando "Contratti di sviluppo Filiere produttive", finanziato dalla Misura M1C2 Investimento 5.2 del Pnrr (il Piano nazionale di ripresa e resilienza). Il bando era stato pubblicato dal Ministero dello Sviluppo economico, mentre l'ente gestore per l'istruttoria è Invitalia spa, l'Agenzia nazionale per l'attrazione degli investimenti e lo sviluppo d'impresa.

Uno stabilimento da 42 milioni

L'ampliamento della capacità produttiva, fa sapere Cembre, è motivata dalla necessità di soddisfare le crescenti richieste di mercato, sia in termini di volumi che di tempistiche: in concreto prevede la realizzazione di due nuovi capannoni, che verranno dotati di macchine e impianti all'avanguardia, tra cui isole robotiche e sistemi di movimentazione dotati di intelligenza artificiale. L'agevolazione è stata concessa per un importo massimo di circa 4,920 milioni di euro, a fronte di un investimento complessivo, come detto, di oltre 42 milioni di euro.

I contributi a fondo perduto verranno erogati nell'arco dei tre anni di durata del progetto, in proporzione all'avanzamento di investimenti e lavori: la conclusione è prevista per il 2015. L'approvazione del progetto risale al 12 gennaio e si attende ora la firma del decreto di concessione: l'assistenza tecnica per la gestione della pratica con Invitalia è stata affidata a Gfinance srl, società di consulenza bresciana specializzata nella finanza agevolata.

I numeri del gruppo Cembre

Il gruppo Cembre è tra i principali produttori mondiali di utensili - meccanici, pneumatici e oleodinamici - per l'installazione di connettori e per la tranciatura di cavi. I prodotti sviluppati per la connessione alla rotaia e per altre applicazioni ferroviarie sono stati adottati dalle principali società di settore in tutto il mondo. Alla capogruppo con sede a Brescia, si affiancano 5 società controllate: 4 commerciali in Germania, Francia, Spagna e Stati Uniti e una produttiva e commerciale a Birmingham, Inghilterra (la Cembre ltd). 

Al 30 settembre 2022 il gruppo contava 839 dipendenti: Cembre è quotata in Borsa italiana dal 15 dicembre 1997 e dal 24 settembre 2001 al segmento Star. Il fatturato (aggiornato alla fine di settembre) sfiora i 150 milioni di euro.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuovi capannoni per 42 milioni di euro: il maxi-investimento di Cembre

BresciaToday è in caricamento