menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Uno scorcio del Parco delle Fucine (fonte ferratecasto.com)

Uno scorcio del Parco delle Fucine (fonte ferratecasto.com)

Il Parco delle Fucine: l'incanto nascosto delle Ferrate di Casto

Una meraviglia della natura, tra percorsi a piedi e in bicicletta, arrampicate e ponti tibetani, l'imperdibile teleferica: ecco il Parco delle Fucine di Casto

Una meraviglia in mezzo alla natura, ai boschi e alle montagne della Valle Sabbia: dedicata in primis agli sportivi, ma in realtà a chiunque voglia respirare una bella boccata d'aria fresca, lontano dal frastuono e dal caos della città, o delle località turistiche colme e stracolme nei giorni d'estate. Parliamo del Parco delle Fucine di Casto, sulla strada che porta verso Alone: un contesto storico e ambientale unico, dove sono state realizzate ferrate e palestre di arrampicata e di varie difficoltà. In particolare il percorso delle ferrate, disposto ad anello, si compone di 14 tratti indipendenti e allineati, lunghi in totale 1,7 chilometri con circa 500 metri di dislivello.

La meraviglia del Parco delle Fucine

Oltre alle ferrate, in mezzo alla natura si percorrono sentieri e stradine che rimandano a tempi lontani. Si attraversano anche due ponti tibetani e con una semplice variante al percorso si può transitare nella stretta di Luina, canyon lungo 380 metri, largo 1-2 metri e profondo 30-35 metri protagonista dell’incredibile erosione della roccia. Difficoltà media, altezza minima 1 metro e 20: è percorribile solo in salita è obbligatorio l’uso dell’attrezzatura mentre le ferrate sono tutte impegnative. I tempi di percorrenza sono di circa quattro ore, la partenza e l’arrivo coincidono e fiancheggiano la strada per Alone in prossimità della Corna Zana.

Per gli appassionati dei percorsi storici è possibile visitare, in fregio alle ferrate, un vecchio distretto industriale composto da sei fucine, un forno fusorio, un mulino e una calchera. Il complesso è stato operativo fino al 1930 e ha prodotto arnesi di ferro per oltre cinque secoli utilizzando l’acqua come forza motrice. Sul percorso medesimo vi sono tre palestre di arrampicata con gradi di difficoltà diversi, garantendo a tutti gli appassionati la possibilità di divertirsi. Come se ciò non bastasse, al primo gruppo di strutture idoneo alla conoscenza ed esplorazione di questo stupefacente  territorio, si sono aggiunti alcuni percorsi e altri sono in fase di allestimento.

Servizi e attività del Parco

Il Parco delle Fucine di Casto offre ai visitatori la possibilità di cimentarsi in svariate e mirabolanti “avventure”. In particolare segnaliamo le vie attrezzate e le vie di arrampicata, uno spazio per i più piccoli (il Parco Bimbi), la celebre Zip Line (nota anche come teleferica), e poi percorsi per il trekking e la mountain bike, il parco storico delle Fucine che abbiamo citato qualche riga fa, spazi dedicati al ristoro e al campeggio, per tutto quelli a cui un giorno non basta mai. 

La Zip Line

La Zip Line, chiamata anche teleferica, è l'attrazione più gettonata del parco. Si compone di due discese: nella pratica, la Zip Line consiste nel collegamento di due opposti versanti di montagna con un cavo d'acciaio. Imbragati da cima a fondo, e attrezzati con caschi e protezioni di ogni tipo, nel segno della massima sicurezza, si viene trascinati dall'inizio alla fine sulla teleferica, ovviamente sempre seguiti dai volontari del Parco, fanno sapere dalle Fucine, “in modo che la vostra esperienza sia il più piacevole possibile”. 

Informazioni e contatti

Il Parco delle Fucine si trova sulla Via delle Ferrate di Casto. Per informazioni si può telefonare allo 0365 899293, oppure su cellulare ai numeri 392 8385677 e 366 8933323. Gli orari estivi: ad aprile e maggio il Parco è aperto nei giorni feriali dalle 10 alle 17, il sabato e nei festivi dalle 9 alle 17. A giugno il Parco è invece aperto tutti i giorni, dalle 9 alle 18. Nei mesi di luglio e agosto il Parco delle Fucine è aperto ancora tutti i giorni, dalle 8.30 alle 18. A settembre e ottobre, infine, è aperto solo il sabato e la domenica, dalle 9 alle 18.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Il falso mito dell'acqua e limone da bere (calda) la mattina

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento