social

La prima guida Lonely Planet dedicata alle bellezze bresciane

Disponibile in formato digitale (e gratuita) la prima guida di Lonely Planet dedicata alla provincia di Brescia

L'immagine di copertina della guida

Più che la grande bellezza: è “la grande ricchezza racchiusa tra i confini della provincia di Brescia” e che “accontenta ogni tipo di viaggiatore”. Comincia così la prima guida Lonely Planet dedicata al territorio bresciano, realizzata in collaborazione con Visit Brescia e già disponibile in versione digitale (in pdf) a questo link. “Insieme alla più autorevole casa editrice di guide turistiche al mondo – fa sapere Visit Brescia – abbiamo realizzato la guida digitale gratuita Benvenuti a Brescia, interamente dedicata alle bellezze bresciane”.

La nuova guida tutta bresciana

In tutto sono 26 pagine di “racconti, itinerari e consigli: per un viaggio alla scoperta di un territorio ricco di cultura, natura e avventura”. Ma cosa c'è nella guida Lonely Planet: “Il patrimonio artistico e la vibrante scena contemporanea che prende vita nel centro storico di Brescia, l'ottima cucina preparata con prodotti del territorio e l'arte custodita nei palazzi della pianura, la cultura enogastronomica delle terre dei vini, le spiagge e le opportunità di praticare attività adrenaliniche sulle acque dei laghi, o tra le montagne innevate, la natura incontaminata e le antiche tradizioni delle valli”.

Cosa c'è nella guida di Lonely Planet

Si parte da Brescia, ovviamente, dal capoluogo: musei, musica e 1000 Miglia. Dalla piazza del Duomo al Parco archeologico di Brescia romana, la pinacoteca e il Teatro Grande. Avanti, a passo lento tra vigneti della Franciacorta e poi fino al Sebino, “un amore di lago”: e ancora, pagina dopo pagina, un salto da Montisola al lago di Garda, Sirmione, Lonato e Desenzano, la Valtenesi, Salò e l'Alto Garda, fino a Valvestino.

Il viaggio continua lungo l'Eridio, il “respiro di libertà” del lago d'Idro, la Rocca d'Anfo: di nuovo in Valle Sabbia, “fuori dal mondo ma sempre connessi”, naso all'insù verso la Valle Camonica, le aree protette, le incisioni rupestri. Una sorta di assist per la Valtrompia e in generale tutte le montagne bresciane, “perfette in ogni stagione”: poi si scende fino in pianura, circondati da “paesaggi dal fascino metafisico” (vedi il castello di Padernello).

Gastronomia, ciclabili e passeggiate

La guida si chiude con una sorta di doppio appendice. Il primo, gustosissimo: è il glossario gastronomico di piatti e prodotti tipici, dal Bagoss al Tombea, dalla sardina del Sebino ai tartufi, il pesce di laghi e fiumi e il manzo all'olio. Davvero, per tutti i gusti. Infine, il gran finale: 10 itinerari ciclabili (dalla Ciclovia dell'Oglio alla Brescia-Paratico) e una dozzina di cammini e passeggiate, dalla Vello-Toline all'Eremo di San Valentino, Maniva e altro ancora. Benvenuti a Brescia.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La prima guida Lonely Planet dedicata alle bellezze bresciane

BresciaToday è in caricamento