Sport e scuola: "Donnarumma ha sbagliato, quell'esame doveva farlo"

Intervista a Giorgio Lamberti, l'ultima grande icona del nuoto bresciano

Giorgio Lamberti (web)

“Me lo ricordo come se fosse ieri, io che l’acqua non l’avevo mai vista: ero sempre stato in montagna. Tutto è cominciato per caso, dal suggerimento di un medico. Tra l’altro non era il mio medico, era un medico di turno alla domenica. Spesso stavo poco bene, lui ha guardato mia madre negli occhi e le ha detto: il nuoto fa bene alla salute. Avevo 6 anni”. Parola di Giorgio Lamberti, l’ultima grande icona del nuoto bresciano (non ce ne vogliano i suoi successori: è stato il primo nuotatore italiano maschile a vincere una medaglia d'oro in un campionato mondiale) che ha fatto dello sport una scelta di vita. La carriera agonistica, prima: la carriera da dirigente oggi. Tra i fondatori del Gam Team di nuoto (e non poteva essere altrimenti), ma soprattutto presidente del centro sportivo San Filippo di Brescia: l’unica vera “casa” delle associazioni sportive bresciane, cittadine e non.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tanto da raccontare, come è giusto che sia: “Alle prime lezioni in piscina, al centro Fin di Viale Piave, non c’era verso. Per questo devo ringraziare mia mamma, e la sua caparbietà: certo non pensava alla carriera agonistica, ma aveva a cuore la mia salute. Ecco perché se devo fare un appello, mi piace rivolgerlo alle mamme, ai genitori in generale. I genitori sono fondamentali per la crescita di un ragazzo, o di una ragazza. Anche della sua crescita sportiva”. Niente agonismo forzato, niente premi in denaro per ogni gol fatto: “Quando va così, si fa presto a diventare colpevoli. I giovani di oggi, che magari saranno i campioni di domani, non devono essere pressati di responsabilità che non si meritano, che non dovrebbero avere”. Sport e scuola, quelli sì che dovrebbero andare insieme: “La scuola viene prima di tutto, questo è chiaro. Ma al netto del risultato scolastico, dovrebbe essere un orgoglio per qualsiasi istituto avere un grande sportivo. In questo siamo molto in ritardo, ad esempio rispetto alla cultura americana e anglosassone”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il figlio non risponde, è a letto privo di sensi: giovane medico in fin di vita

  • Alcol a minori, sporcizia ovunque e cibo scaduto: 12.000 euro di multa per un fast food

  • Prostituzione fuori controllo, 200 escort attive, clienti anche di giorno

  • Tragico gesto estremo: giovane uomo muore suicida a 38 anni

  • Scoppia la tv, la casa si riempie di fumo: donna muore tra le braccia della figlia

  • Positivo al coronavirus: altra classe in quarantena, tampone per tutti i compagni

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento