menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sanità, Gallera “90 medici di famiglia in più grazie a regione Lombardia”

Lo ha annunciato l’assessore al Welfare della Regione Lombardia, Giulio Gallera.

"Grazie alla determinazione di Regione Lombardia che si è attivata per ottenere la possibilità di ingresso in convenzione di giovani medici nel nostro territorio, che sta vivendo più di altri la carenza di Medici di famiglia, dal 2019 ci saranno almeno 90 giovani medici di famiglia in più a prendersi cura della popolazione Lombarda. Ringrazio FIMMG Lombardia e Nazionale per il loro importante contributo al raggiungimento dell'obiettivo". 

Lo ha annunciato l’assessore al Welfare della Regione Lombardia, Giulio Gallera, spiegando che è arrivata una nota di SISAC (Struttura Interregionale Sanitari Convenzionati) in cui si specificava di consentire anche ai medici del triennio formativo 2014/2017 che hanno conseguito l'attestato di formazione specifica in Medicina Generale, la facoltà di presentare domanda per l'assegnazione degli incarichi vacanti di cure primarie in subordine all'espletamento di tutte le procedure previste dal vigente ACN, e, questo, per tutte le regioni.

 "Proprio nei giorni scorsi - ha spiegato Gallera - avevamo chiesto a SISAC di estendere anche ai medici del triennio formativo 2014/2017 che hanno conseguito l'attestato di formazione specifica in Medicina Generale, la facoltà di presentare domanda per l'assegnazione degli incarichi vacanti di cure primarie. Sono molto soddisfatto che SISAC abbia accolto la nostra richiesta che ci permetterà di avere al più presto almeno 90 giovani medici di famiglia in più, oltre ai 90 del triennio formativo precedente, a prendersi cura dei lombardi. Si tratta di un grande risultato ottenuto da Regione Lombardia con il fondamentale contributo di FIMMG Lombardia e Nazionale che ringrazio per la loro preziosa collaborazione".

A poco più di una settimana dalla pubblicazione degli ambiti carenti sul BURL, la SISAC faceva pervenire alle regioni una nota esplicativa della Norma transitoria n. 2 dell'ACN (Accordo Collettivo Nazionale) attualmente in vigore, in cui si escludeva ai colleghi che al 31 gennaio 2017 stavano frequentando l'ultimo anno del corso di formazione specifica di medicina, la possibilità di accedere alla graduatoria per l'inserimento negli ambiti carenti in pubblicazione.

"FIMMG Lombardia - ha spiegato Gabriella Levato Segretario Regionale della Federazione Sindacale Della Medicina Generale - preoccupata da questa esclusione, in stretto collegamento con FIMMG Nazionale e con l'Assessorato al Welfare, si è attivata perché la SISAC intervenisse, con una nota esplicativa, a meglio definire la possibilità di ingresso in convenzione di giovani medici nel nostro territorio. Molti degli ambiti carenti in Lombardia, purtroppo rimangono tali. Solo in ATS Milano Città, degli ultimi ambiti pubblicati a marzo di quest'anno, su circa 250 solo il 30% circa è stato coperto. Sono soddisfatta del gioco di squadra svolto tra FIMMG Lombardia, Assessorato al Welfare e FIMMG nazionale, è grazie a questa collaborazione se siamo riusciti a ottenere un importante risultato che ci permetterà di far fronte alla mancanza di MMG".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Quando ci si potrà spostare tra regioni: c'è una data per maggio 2021

Attualità

C'è chi spacca tutto, chi tenta il suicidio impiccandosi: "Qua dentro è una polveriera"

Coronavirus

Covid, sono 51 i Comuni bresciani con dati da zona rossa: l'elenco completo

Ultime di Oggi
  • Coronavirus

    Cosa riapre in Italia dal 26 aprile

  • Coronavirus

    Covid Bollettino Lombardia del 17 aprile 2021: tutti i dati

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento