menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Magasa

Magasa

Magasa e Valvestino mollano Brescia e scelgono il Trentino

Nel 2008 il referendum, poi i pareri positivi di Trentino e Lombardia: i piccoli Comuni bresciani di Valvestino e Magasa - insieme fanno meno di 350 anime - pronti a 'trasferirsi' sotto la bandiera del Trentino Alto Adige

Tutti insieme fanno (forse) 350 abitanti. Sono i Comuni di Valvestino e Magasa, a metà tra l’alto Garda bresciano e il Trentino. Ma che presto lasceranno davvero la Lombardia, per ‘trasferirsi’ oltre confine, e tornare a battere bandiera (e cassa) alla confinante Regione a statuto speciale.

Lo ha decretato un referendum del 2008, lo hanno confermato le due Regioni interessanti: Trentino, appunto, e Lombardia. Il consiglio regionale lombardo proprio in questi giorni avrebbe dato il via libera definitivo all’annessione trentina dei due piccoli Comuni bresciani.

Erano già stati di ‘proprietà’ trentina, o meglio asburgica. Almeno fino al 1918, quando la Grande Guerra finì e anche il Trentino divenne italiano. Ci ha pensato poi Benito Mussolini, una ventina di anni più tardi, ad annettere Magasa e Valvestino alla provincia di Brescia. Meno di 80 anni più tardi la storia si ripete, ma al contrario.

Ora manca l’ultimo ma fondamentale passaggio: la decisione del Parlamento. Perché in effetti manca una legge, la norma che possa permettere alle 350 anime separatiste di fare propria la decisione referendaria vecchia ormai di oltre cinque anni.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Il falso mito dell'acqua e limone da bere (calda) la mattina

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento