Politica

Aggressioni sui treni, De Corato: "Utilizzare subito i militari"

Lo ha detto l'assessore alla Sicurezza, Immigrazione e Polizia locale di Regione Lombardia, Riccardo De Corato dopo l'ennesimo episodio avvenuto sulla linea Lecco-Milano

"È necessario, in attesa del rafforzamento e dell'adeguamento del numero dei poliziotti in Lombardia, utilizzare subito i militari a bordo dei treni".  Lo ha detto l'assessore alla Sicurezza, Immigrazione e Polizia
locale di Regione Lombardia, Riccardo De Corato dopo l'ennesimo episodio di cronaca sui treni: un uomo, sul convoglio Lecco-Milano, ha sfondato un vetro causando ritardi e disagi.

"In molte stazioni lombarde - ha aggiunto l'assessore - oggi sono ormai presenti i militari. A bordo dei treni
controllerebbero la situazione e servirebbero anche da deterrente per chi ha intenzione di delinquere, garantendo così la sicurezza di personale e passeggeri". 

Sono in arrivo nella nostra regione - ha sottolineato De Corato - 279 nuovi agenti di Polizia, parte dei quali verrà destinata alla Polfer. Nonostante questo piccolo rinforzo del Ministro dell'Interno, gli agenti della polizia ferroviaria non sono comunque abbastanza: meno di 600 agenti per controllare i 2.500 km della rete ferroviaria lombarda, davvero pochi". 

"Proprio per questo - ha concluso l'assessore regionale alla Sicurezza - per evitare episodi come quello di oggi, molestie, rapine e aggressioni, che sui treni si verificano spesso, è necessario utilizzare a bordo i militari, in particolare nelle tratte più critiche come la Linea S9 (Saronno-Seregno-Milano-Albairate), la linea S8 (Milano-Carnate-Lecco) e Valtellina, la linea S7 (Lecco-Molteno-Monza-Milano), la Mortara-Milano, la Voghera-Pavia-Milano, la Domodossola-Arona-Milano, la Milano-Carnate-Bergamo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aggressioni sui treni, De Corato: "Utilizzare subito i militari"

BresciaToday è in caricamento