Franciacorta: un accordo storico per nuovo modello di governance territoriale

Accordo sottoscritto da 18 sindaci e approvato al 90% in 16 diversi Consigli Comunali: un nuovo modello di governance territoriale che coinvolgerà quasi 150mila persone per un abitato di oltre 260 chilometri quadrati

Un accordo storico, per un nuovo modello di governance territoriale, che coinvolgerà 18 Comuni della Franciacorta, per costruire insieme il modello di sviluppo del territorio che prevede una nuova forma di aggregazione sovracomunale volta a riprogettare, e in piena condivisione, il territorio della Franciacorta con l’obiettivo di tutelarlo e valorizzarne le peculiarità ad ogni livello, per uno sviluppo responsabile, coerente e sostenibile. A presentare i dati, un paio di giorni fa nel Monastero di San Pietro in Lamosa, il sindaco di Paderno Franciacorta Antonio Vivenzi, eletto per rappresentare un territorio di 262 km quadrati e abitato da oltre 146mila persone.

“Un accordo senza precedenti – ha commentato - che costituisce un modello virtuoso di eccellenza operativa per la Franciacorta ma, anche e soprattutto, per l’intero territorio bresciano e, perché no, nazionale. Con questo progetto vogliamo andare oltre i personalismi e i colori politici, per guardare insieme nella stessa direzione per i prossimi 20 anni. Solo così, a nostro avviso, sarà possibile ridisegnare la Franciacorta nel pieno rispetto del territorio e sulle reali esigenze della popolazione, preservandone le peculiarità e le vocazioni”.

La nuova forma di aggregazione nasce a valle di uno Studio di fattibilità per la Franciacorta, redatto dallo Studio Agoraa (specializzato in siti UNESCO), in cui i Comuni hanno dichiarato la necessità di un’idea condivisa di sviluppo socio-economico, tramite una strategia che ne valorizzi l’identità e un tavolo di regia pubblico-privato che la traduca in progettualità e in capacità di attrarre investimenti.

“Sono convinto – ancora Vivenzi – che questa sia la strada per uscire dalla crisi: valorizzare come “sistema Franciacorta” il paesaggio e i beni culturali per produrre valore, partendo da un’economia basata sulla qualità della vita, per chi ci vive e per chi sceglie di  soggiornare nelle nostre splendide località”. Dopo aver individuato come perimetro della “Franciacorta dei sindaci” l’unica definizione normativa in vigore, ovvero il Decreto Ministeriale che riconosce la “Franciacorta dei vini”, i Sindaci hanno deciso di unirsi in un ”Accordo di collaborazione”, previsto dal Testo Unico per gli enti Locali. Si tratta di una formula più snella e non onerosa, in cui ogni Comune ha un voto e viene eletto a rotazione, ogni anno, un comitato esecutivo.

Questo ”Accordo” consente di avere dei sindaci eletti che parlano a nome della Franciacorta ed è stato sottoscritto da tutti i 18 Sindaci il 18 giugno scorso.: Adro, Capriolo, Cazzago S.Martino, Cellatica, Coccaglio, Cologne, Cortefranca, Erbusco, Gussago, Iseo, Monticelli Brusati, Ome, Paderno Franciacorta, Paratico, Passirano, Provaglio d’Iseo, Rodengo Saiano e Rovato.

L’Accordo è già stato approvato in 16 consigli comunali, in cui ha raccolto il 90% dei consensi (su 217 consiglieri presenti, 195 hanno detto sì, 20 si sono astenuti e 2 hanno detto no), mentre in 7 Comuni si è votato all’unanimità. Il Piano strategico, che partirà a breve, ha come pilastri la valorizzazione dei beni culturali e ambientali del territorio come leva per la creazione di un’economia sostenibile, che connetta la Franciacorta con altri territori a livello nazionale e internazionale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nei prossimi giorni i Una volta redatto il Piano, si aprirà la terza fase del progetto (2013), dedicata a recepire il Piano negli strumenti di pianificazione, ovvero a tradurre concretamente la visione strategica e le potenzialità d’area vasta in atti procedurali e normativi (PGT, Regolamento edilizio, PTU, Piano del commercio, LLPP e altri), attuando la progettualità esecutiva prevista dagli strumenti sovraccomunali (PTR, PTCP, ecc.).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Economia bresciana in lutto: è morto l'imprenditore Giuliano Gnutti

  • Coronavirus in provincia di Brescia: morti e contagi Comune per Comune | 1 aprile 2020

  • Arresto cardiaco, muore nella sua auto: era in malattia e aveva la febbre

  • Coronavirus in provincia di Brescia: morti e contagi Comune per Comune | 2 aprile 2020

  • Ingerisce una batteria e rimane soffocata: morta bimba di tre anni

  • Coronavirus: morto cassiere di 57 anni, supermercato chiuso per lutto

Torna su
BresciaToday è in caricamento