menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Tassa di soggiorno a Iseo: «Pieno accordo con operatori turistici»

Il sindaco Venchiarutti smorza la polemica accesasi con le critiche della Confesercenti: "Bozza discussa e approvata insieme agli albergatori". Al via dal giugno del 2012, solo per due mesi: obiettivo destagionalizzare

La fiamma della polemica si spegne in men che non si dica sul lago d’Iseo, dove il Comune che dà il nome al lago Sebino ha confermato e approvato l’intenzione di applicare la tassa di soggiorno a partire dall’estate del 2012. Rispetto alla simile imposta che dalla prossima primavera verrà applicata anche dalla maggioranza dei Comuni gardesani la tassa di Iseo si limiterà all’altissima stagione, dal 20 giugno al 20 agosto. “In questo modo – ci spiega proprio il sindaco Riccardo Venchiarutti – cerchiamo di favorire anche il flusso in altri momenti dell’anno, cerchiamo di favorire la destagionalizzazione turistica del nostro lago”.

L’accordo con gli operatori del settore e gli albergatori della zona in realtà è stato raggiunto già prima dell’estate, e prevede tariffe che vanno dai 50 centesimi per notte (campeggi, b&b, residence e affittacamere) fino a 1,50 euro per gli alberghi di categoria alta, dalle quattro stelle in su. Dalle tre stelle in giù invece la tariffa sarà di 1 euro esatto. Ma sembra che l’iniziativa non abbia convinto tutti: “Si tratta di una scelta miope – ha tuonato nei giorni scorsi Marco Polettini, presidente di Asshotel Confesercenti di Brescia – e di certo non discussa con le associazioni di categoria”.

“Abbiamo più volte espresso la nostra contrarietà all’introduzione di questo balzello, e ci dispiace profondamente che l’Amministrazione comunale di Iseo abbia deciso di percorrere questa strada”. Una strada che in realtà non ha trovato un’opposizione così forte da parte degli esercenti interessati. E ce lo conferma ancora una volta il sindaco Venchiarutti: “Malumori non ce ne sono stati. La bozza d’imposta è stata discussa e approvata proprio insieme agli albergatori. Abbiamo concordato dinamiche e tipologie con tutti gli operatori turistici e del settore”.

E le proteste di Confesercenti? “La loro protesta è uguale per tutti, la loro è una protesta di livello nazionale. L’imposta di soggiorno a Iseo è stata concordata fin dall’inizio, con un primo accordo raggiunto qualche settimana prima dell’estate, e che ha preso forma definitiva nell’ultimo Consiglio Comunale”. Nel giugno 2012 l’esordio ufficiale: con esenzione per gli under 13, e una tassazione che non supererà i dieci giorni di pernottamento.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

La Lombardia è zona arancione: tutte le regole in vigore da domani

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento