Venerdì, 22 Ottobre 2021
Politica

Tablet nelle scuole, Girelli: "Chiediamo chiarezza sul loro reale utilizzo"

È il consigliere regionale del PD Gian Antonio Girelli a riportare il tema all’attenzione della Regione dopo diverse difficoltà di utilizzo emerse proprio dagli istituti scolastici

“Quanti tablet sono stati effettivamente dati alle scuole e in quali istituti?”. È passato un anno dal referendum per la maggiore autonomia in Lombardia e la confusione regna sovrana sia sul percorso istituzionale che sul destino delle “voting machines” usate nelle urne.
 
È il consigliere regionale del PD Gian Antonio Girelli a riportare il tema all’attenzione della Regione dopo diverse difficoltà di utilizzo emerse proprio dagli istituti scolastici.

«Nel 2017 sono stati acquistati 24 mila apparecchi  per una spesa di circa 23 milioni di euro – spiega Girelli -. Al di là delle opinioni critiche che il PD ha già espresso sull’utilità della spesa fatta su proposta del Movimento 5 Stelle, a questo punto vogliamo un elenco dettagliato del numero dei tablet dati alle scuole lombarde». Girelli lo chiede con un’interrogazione che verrà discussa in Consiglio regionale martedì 6 novembre.
 
Secondo una nota ufficiale della Regione di aprile 2018 “sono arrivate 587 richieste per un totale di 18.493 dispositivi, senza contare quelli già assegnati per la sperimentazione (circa 1.500). Alle scuole sono stati già consegnati 17.024 dispositivi. I restanti saranno recapitati nelle prossime settimane. Gli ulteriori 4 mila dispositivi elettronici saranno custoditi dalla Regione Lombardia per futuri impieghi, per esempio per i referendum sulle fusioni dei Comuni”.
 
«Non solo manca chiarezza sull’effettivo utilizzo di apparecchiature costate care – conclude Girelli -, ma, come prevedibile, ci sono anche diverse perplessità sulla reale utilità delle voting machines. Dopo dodici mesi è necessario avere risposte per valutare anche se quella spesa si è rivelata realmente poco lungimirante».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tablet nelle scuole, Girelli: "Chiediamo chiarezza sul loro reale utilizzo"

BresciaToday è in caricamento