Giovedì, 24 Giugno 2021
Politica Piazzale Europa, 5

Congresso CGIL, Carla Cantone: «Dobbiamo ritrovare l’unità»

Il discorso conclusivo di Carla Cantoni, segretaria nazionale SPI Cgil: lavoro e pensioni, giovani e Riforma Fornero. Poi sanità e divisioni interne, con frecciatina a Matteo Renzi: "I problemi si risolvono con i fatti"

Carla Cantone al congresso SPI CGIL di Sirmione - Foto © Gianbattista Manganoni

La più attesa, ovviamente. Senza togliere niente ai membri bresciani della segreteria, Silvia Spera e Oliviero Girelli, il segretario provinciale Damiano Galletti. Ma la special guest del venerdì gardesano, del congresso SPI Cgil, non poteva che essere lei, la segretaria nazionale.

Carla Cantone a ruota libera nel suo intervento, forse a ruota ancora più libera quando si concede ai giornalisti, quando le 13 sono già passate da un pezzo. I grandi temi da affrontare, il lavoro “problema dei giovani ma anche degli anziani, soprattutto dopo la Riforma Fornero”, la tutela del reddito, la tutela dei salari e delle pensioni.

Ma anche l’orgoglio di una categoria che da sola vale il 53% degli iscritti a tutta la CGIL, e che potrebbe riproporsi “protagonista di una rinnovata unione, per superare la crisi interna, per ritrovare la grande unità che nella storia ha caratterizzato il nostro sindacato”. Non tanto Giorgio Cremaschi: “Mi fa solo sorridere”, ammette Cantone.

I problemi ‘veri’ sono “le altre divisioni, le discussioni anche forti”, da risolvere assolutamente ma “senza annientarle, perché la dialettica è l’ultimo sale che ci è rimasto, della nostra democrazia”. Il lavoro, al centro. Perché “senza lavoro non si va da nessuna parte”. E senza lavoro anche le pensioni crollano, “da 15 anni a questa parte i pensionati hanno perso oltre il 30% del potere d’acquisto”.

Mentre ci sono altre categorie, quelle che magari non tutte le tasse le pagano, che in un decennio si sono arricchiti alle spalle della collettività, della maggioranza: “L’evasione fiscale, il male profondo del nostro Paese”. Poi, la sanità: e visto che di Lombardia si parla, “è ora di finirla con il sistema Formigoni, bisogna rafforzare il sistema pubblico, e garantire livelli di assistenza dignitosa a tutti”.

In ultimo, il nuovo Governo di Matteo Renzi. Meno aggressiva che ai tempi della campagna elettorale 'di partito': “Non l’ho votato alle primarie, ma questo lo sanno tutti. Ha vinto, e ora è presidente del Consiglio. Mi auguro che affronti per davvero i nodi e i problemi dell’Italia. E che provi a risolverli non solo a parole”.

Brescia, 1 maggio 2012: l'intervento di Carla Cantone - PART 2

Brescia, 1 maggio 2012: l'intervento di Carla Cantone - PART 2


 

Potrebbe interessarti: https://www.bresciatoday.it/cronaca/brescia-1-maggio-2012-carla-cantone-part-2.html
Seguici su Facebook: https://www.facebook.com/pages/BresciaToday/201440466543150

Potrebbe interessarti: https://www.bresciatoday.it/cronaca/brescia-1-maggio-2012-carla-cantone-part-2.html
Seguici su Facebook: https://www.facebook.com/pages/BresciaToday/201440466543150

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Congresso CGIL, Carla Cantone: «Dobbiamo ritrovare l’unità»

BresciaToday è in caricamento