Giovedì, 21 Ottobre 2021
Politica

Santerini: "Estendere il reddito d’inclusione e rendere strutturali le misure contro la povertà”

Milena Santerini, professoressa di Pedagogia all'Università Cattolica e candidata alla Camera per Civica Popolare a Brescia, aderisce all'appello dell'Alleanza contro la povertà

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BresciaToday

Welfare, Santerini: "Aderisco all'appello dell'Alleanza contro la povertà. Estendere il Reddito d’inclusione (Rei) e rendere strutturali le misure contro la povertà” "Aderisco all'appello ‘Una risposta a tutti i poveri, a ogni povero la giusta risposta’ diffuso dalle associazioni aderenti all'Alleanza contro la povertà. Occorre estendere e applicare con efficacia il Reddito d’Inclusione (Rei), appena introdotto dal Governo Gentiloni: si tratta di un'azione concreta e seria, attraverso una scelta storica che ha dotato l’Italia di una misura nazionale e strutturale contro la povertà assoluta".

Lo dichiara l'onorevole Milena Santerini, professoressa di Pedagogia all'Università Cattolica e candidata alla Camera per Civica Popolare a Brescia, a Bollate-Sesto San Giovanni e Genova-Savona-Imperia. In Italia vivono in povertà assoluta 4,75 milioni di persone, pari al 7,9% della popolazione complessiva. Di questi il 53% (pari a 2,5 milioni di individui) riceveranno il Rei, mentre il restante 47% (vale a dire oltre 2 milioni di individui) ne resta – ad oggi – escluso. Aggiunge Santerini: "Come chiede l'Alleanza, obiettivo della prossima Legislatura dovrebbe essere estendere la copertura del Rei ed incrementare il contributo economico adottando un Piano nazionale pluriennale che superi progressivamente le attuali carenze.

La fase in corso, quella dell'attuazione del Rei, è cruciale: è basata sulla capacità dei soggetti del welfare locale di tradurre il Rei in pratica, dai Comuni – titolari del Rei – alle altre realtà dei territori, a partire da Centri per l’impiego, il Terzo Settore e le forze sociali". Santerini, una delle parlamentari che nella Legislatura in corso si è impegnata per l'approvazione del Rei, nota che "si tratta di una misura che può aprire una stagione di rinnovamento del welfare, evitando misure una tantum e concentrandosi su interventi strutturali; ponendo al centro il welfare locale, per costruire nei territori le risposte più adatte alle esigenze delle persone, costruendo una stretta collaborazione tra diversi livelli di governo (Stato-Regioni-Comuni) e tra soggetti pubblici e realtà di rappresentanza sociale".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Santerini: "Estendere il reddito d’inclusione e rendere strutturali le misure contro la povertà”

BresciaToday è in caricamento