Politica

"Cedo due Mattarella per mezzo Putin": Salvini e quel post imbarazzante

Rimosso per la vergogna, ma "i pentimenti si fanno in chiesa"

Nessuna pubblica ammenda da parte di Salvini a proposito del post del 2015 (ora rimosso) in cui scriveva "cedo due Mattarella per mezzo Putin". "Se vogliamo parlare di guerra siamo nel 2022 e stiamo lavorando per bloccarla i pentimenti si fanno in chiesa". Lo ha detto il leader della Lega parlando con i giornalisti al termine della visita al console generale d'Ucraina a Milano, incontro svoltosi nella mattinata di sabato 26 febbraio.

"Se qualcuno vuole buttarla in polemica politica è libero di farlo, io sto portando il mio piccolo contributo per cercare di fermare un conflitto folle, che nessuno si aspettava e che nessuno vuole. Io non vado a chiedere conto agli altri di quello che hanno detto 5 anni fa", ha aggiunto Salvini, che a proposito dei suoi rapporti con Putin ha detto: "Non vado in Russia da anni, anche perché quando andavo la metà dei giornalisti si inventava cose strane. Quindi lascio che in Russia ci vadano Draghi, Macron e Scholz".

salvini-mattarella-putin-2

Immagine - Il post pubblicato da Salvini e poi rimosso

Cosa è stato detto durante il colloquio tra Salvini e il console ucraino

L'incontro tra Salvini e il console ucraino è stata l'occasione per "ribadire i sentimenti di vicinanza e affettuosa solidarietà al popolo ucraino, auspicando la cessazione immediata delle ostilità aperte da Mosca affinché alle armi si sostituisca al più presto la diplomazia".

Salvini, riferiscono fonti della Lega, "ha sottolineato la ferma volontà di accogliere, curare e proteggere i profughi, a partire da bimbi e donne in fuga, e ha ricordato la posizione della Lega che da sempre è fermamente contraria alle bombe come strumento per dirimere i conflitti. Sono più che mai necessari il dialogo e la ragione, sulla strada indicata dal Santo Padre in queste ore".

Fonte: Milanotoday.it

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Cedo due Mattarella per mezzo Putin": Salvini e quel post imbarazzante
BresciaToday è in caricamento