rotate-mobile
Domenica, 5 Dicembre 2021
Politica

Bersani e Renzi al ballottaggio. Successo del «rottamatore» in provincia

Da oggi si riparte per una battaglia che si annuncia dura visto che ora, senza l'eliminazione al primo turno, Matteo Renzi ci crede davvero

Il primo round delle primarie del centrosinistra vanno a Pier Luigi Bersani. Domenica prossima la sfida con Matteo Renzi nel ballottaggio che sceglierà chi dei due sarà il prossimo candidato premier del centrosinistra.

Il segretario del Pd ha ottenuto il 44,3% dei consensi, contro il 36,3% del sindaco di Firenze. Terza piazza per Nichi Vendola: 15,1%. Gli elettori votanti sono stati in tutto 3,1 milioni.

Con 53.000 elettori, ottima l'affluenza anche a Brescia e Provincia: Bersani ha raccolto il 43,9% delle preferenze, 39,1 Renzi (percentuale più alta di quasi 3 punti rispetto al dato nazionale) e il 12% Vendola. In città il distacco tra Bersani e il "rottamatore" è stato più netto: il segretario piddino ha ottenuto un più 11%, su un totale di 12 mila votanti.

"E' stata una giornata straordinaria perché l'ho voluta io", è la soddisfazione del segretario Pd per la grande partecipazione e per il merito, riconosciutogli anche dal sindaco, di aver voluto primarie aperte. Dopo la chiusura dei seggi, Bersani ha chiamato Renzi e gli ha riconosciuto il buon risultato e l'effetto positivo che la sfida, condotta con i muscoli ma senza colpi bassi, ha avuto per motivare gli elettori ad andare ai gazebo.

"Renzi è un protagonista, siamo riusciti insieme a raffigurare l'idea che siamo un grande campo", si compiace Bersani anche se, spiegano fonti democratiche, i voti complessivi sono poco di più delle primarie del 2009, eppure allora erano del Pd e non della coalizione. Sulla forza della coalizione ci sarà da lavorare ma dopo aver vinto la sfida di partenza contro Renzi per il quale "ora si riparte zero a zero". Il primo sforzo per i sostenitori del segretario sarà riportare a votare quasi 3,5 milioni di persone e soprattutto gli elettori di Sel.

Anche perché, temono fonti democratiche, l'impressione è che il governatore pugliese tratterà 'a caro prezzo' il suo sostegno a Bersani. Pur non avendo vinto al primo turno, il leader Pd guarda il lato positivo, ovvero che la campagna per il ballottaggio sarà un pezzo in più della battaglia vera, cioé per le elezioni politiche. "Il risultato per me è ottimo e allunga di una settimana l'attenzione del paese su di noi e ci consentirà di far vedere chi siamo: un grande schieramento di progressisti in grado di dare una mano a questo paese", sostiene Bersani, che, con i numeri dei partecipanti alle primarie, vuole dimostrare agli interlocutori esteri e ai mercati che il Pd è una forza affidabile e soprattutto radicata nel paese.


L'analisi del voto, per quanto incompleta, offre però anche spunti di analisi non privi di ombre: al sud c'é un calo della partecipazione, già emerso nel voto alle elezioni siciliane. E nelle regioni rosse, in Toscana e in Emilia Romagna, Renzi è piaciuto oltre le aspettative all'elettorato di centrosinistra. E l'appeal del sindaco di Firenze rafforza la convinzione di chi, come Enrico Letta, spera che "Bersani e Renzi insieme collaboreranno per rafforzare il centrosinistra". Ma, prima di dare una mano al leader Pd, il sindaco di Firenze proverà a vincere la battaglia della sua vita.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bersani e Renzi al ballottaggio. Successo del «rottamatore» in provincia

BresciaToday è in caricamento