Brescia: il club 'Il Sorriso della Leonessa' sui rimborsi pensione

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BresciaToday

Nei giorni scorsi il coordinatore regionale di Forza Italia Mariastella Gelmini a Milano ha divulgato l'intenzione dal prossimo settembre di iniziare una capillare distribuzione di vademecum per i pensionati al fine di renderli edotti delle modalità con cui ricevere assistenza legale per fare valere i propri diritti calpestati da Governo e INPS a seguito della sentenza n. 70 del 2015 della Corte Costituzionale. Il dispositivo della Consulta ha dichiarato non costituzionale la norma che ha soppresso nel 2012, 2013 e 2014 gli scatti di indicizzazione per le pensioni superiori a 1500 euro lordi mensili. Successivamente il Governo Renzi, dopo i primi ricorsi giudiziari che vedevano soccombente lo Stato , è corso ai ripari con il cosiddetto Decreto Renzi-Poletti che ha stabilito alcune classi differenti di adeguamento degli assegni in relazione al loro importo per gli anni addietro mentre ha disposto un'indicizzazione forfettaria per gli anni a venire.

Ebbene crediamo che ciò sia in palese contrasto con quanto disposto dalla Consulta, coerentemente con i pareri rilasciati dagli Avvocati Sarno del Foro di Milano e Zita del Foro di Monza; infatti nulla è possibile legiferare retroattivamente su una materia finanziaria, come ricorda il presidente del Club Lionello Ricci: "E' una vicenda che comprensibilmente avrebbe pesato duramente sui conti pubblici; è nata male, si è conclusa peggio ed ora lascia aperta la via ad un nuovo probabile prossimo ricorso alla Corte vista la palese difformità fra le motivazioni della prima sentenza e le decisioni adottate dal Legislatore che restituiscono a una piccola platea di aventi diritto solo una parte del dovuto.

 Il Club "Il sorriso della Leonessa", sorto l'anno scorso per dotare i bresciani degli strumenti utili a liberarsi dall'oppressione sotto qualsiasi forma esercitata dalla autorità pubblica, ha quindi deciso di attivare una campagna, le cui modalità di adesione sono reperibili su Facebook sulla pagina del gruppo, volta a garantire la migliore assistenza possibile a tutti coloro che decidessero di non accettare supinamente la sprezzante soluzione voluta dal governo Renzi. In particolare, prosegue Ricci, "attraverso il contatto mail rimborso.pensioni@libero.it possono mettersi in contatto con noi tutti coloro che lo desiderano, senza alcuna richiesta di tesseramento o altro; valutata preliminarmente la situazione specifica, il pensionato deciderà autonomamente insieme al legale se e come dare corso alla richiesta di rimborso; speriamo di poter chiedere i primi decreti ingiuntivi già all'inizio della stagione autunnale."

Conclude Gianmario Fusardi, membro del Club e Responsabile Comunicazione per Forza Italia Brescia : "Questo Governo agisce proditoriamente contro la sua gente ed i suoi cittadini. Non accettiamo che un trattamento non conforme alle leggi ed alla Costituzione ci venga inferto da chi dovrebbe esserne il garante. La mancia agostana che i cedolini della pensione stanno registrando in questi giorni non sanerà la ferita e l'iniziativa del coordinamento regionale ripresa dal Club bresciano certamente registrerà soddisfacenti consensi."

Brescia, Club il Sorriso della Leonessa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento