Rifiuti: la polemica sull'emergenza di Napoli coinvolge anche Brescia

Botta e risposta tra l'onorevole Bratti del Partito democratico e i vertici dell'A2A in merito all'emergenza rifiuti di Napoli. Bratti chiede alla società bresciana: "Perché a Brescia si bruciano rifiuti svizzeri e non di Napoli?"

L'emergenza rifiuti di Napoli infiamma anche il dibattito politico nel bresciano e in particolare sulla gestione dei rifiuti del colosso A2A. Alessandro Bratti, deputato del Partito Democratico e capogruppo in Commissione Ecomafie, è entrato nel pieno della polemica legata allo smaltimento dei rifiuti della Campania e sulle dichiarazione della Lega Nord e  del ministro Calderoli sui decreti per l'emergenza rifiuti definiti "truffa" e ha tirato in ballo proprio la città di Brescia e i suoi impianti di termovalorizzazione.

''Sulla drammatica vicenda dei rifiuti a Napoli la Lega comincia a scaldare i motori - ha dichiarato il deputato democratico - la posizione molto rigida del Carroccio è tuttavia incomprensibile alla luce del fatto che nell'impianto di termovalorizzazione di Brescia, gestito dalla società A2A, che, tra l'altro, controlla la società che gestisce quello di Acerra, la Partenope Ambiente , vengono bruciati dei rifiuti che provengono dalla Svizzera. Perché, dunque, la Lega é pronta a fare le barricate se si tratta di risolvere l'emergenza di Napoli? Quale è la differenza tra questi rifiuti che hanno lo stesso codice e che, dunque, prevedono stesse procedure di smaltimento?''.

L'esponente del PD ha spiegato che ''non ci sono vie d'uscita per il capoluogo partenopeo se non quelle di portare altrove i rifiuti, ma anche il sistema degli enti locali campano deve dare prova di efficienza e compattezza, e di dare poi il via all'individuazione di cave da usare subito mettendole a norma, per la costruzione degli inceneritori necessari oltre che ad un potenziamento della raccolta differenziata e degli impianti collegati''.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I vertici dell'A2A hanno immediatamente risposto alle accuse dell'onorevole Bratti precisando che " nell'impianto di termovalorizzazione di Brescia non vengono 'bruciati rifiuti che provengono dalla Svizzerà, come erroneamente dichiarato dall'Onorevole.Saltuariamente A2A utilizza nel Termovalorizzatore di Brescia biomasse legnose, cioè scarti legnosi, qualificati con i corrispondenti formulari CER".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Niente norme anti-Covid, cuoco e pizzaiolo senza protezioni: chiuso ristorante

  • Follia al bar: padre e figlio scatenano una rissa, devastano il locale e aggrediscono la barista

  • Si accascia sul divano e muore davanti al marito e ai figli: aveva solo 46 anni

  • Sputi, insulti, sassi contro auto e ciclisti: ora il paese ha paura della baby gang

  • Stroncato da una malattia a soli 54 anni, morto noto bassista bresciano

  • Si butta dalla finestra di casa, suicidio shock scuote il quartiere

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento