Domenica, 25 Luglio 2021
Politica

Rete Antinocività Bresciana: «Liberiamo aria, acqua, suolo!»

Sabato 17 marzo 2012 una grande manifestazione provinciale che coinvolgerà numerose associazioni e comitati, per protestare contro il degrado del territorio e l'inquinamento di tutta Brescia e di buona parte della Provincia

Quando si ha un obiettivo comune l’unione di diverse realtà del territorio è sempre un fatto positivo. La Rete Antinocività Bresciana nasce proprio per questo, per difendere fino alla fine un territorio già ampiamente degradato e che negli ultimi anni sembra sia stato davvero lasciato in balia di costruttori e speculatori, mentre la qualità dell’aria, dell’acqua e dello stesso suolo fanno registrare record negativi che pongono Brescia e buona parte della sua Provincia come una delle zone più inquinate d’Italia e dunque anche d’Europa.

Ne abbiamo sentite tantissime anche in questi mesi. Dall’aria irrespirabile di Buffalora al recente allarme di contaminazione del Cesio 137 nella falda di Brescia Sud Est, dall’espansione di Italcementi tra Rezzato e Mazzano alle varie discariche in funzione e in arrivo. “La crisi ecologica rappresenta la grande sfida del nostro tempo – fanno sapere dalla Rete Antinocività – Il nostro territorio è emblematico di come lo sviluppo industriale e tecnologico orientato a una crescita cieca ai limiti della natura abbia avuto conseguenze disastrose sull’ambiente e sulla salute delle persone che lo abitano”.

VIDEO - LA RETE ANTINOCIVITA' BRESCIANA

Nonostante questo “il governo del territorio sembra non tenere conto delle segnalazioni e delle segnalazioni e delle indicazioni che provengono dal basso e spesso assume un atteggiamento ispirato al non vedo – non sento – non parlo. O meglio vedo, sto zitto, ci guadagno”. Sabato 17 marzo 2012 si comincia a fare sul serio, con una grande manifestazione provinciale che dalle ore 15 partirà dalla Caffaro di Brescia per poi protrarsi lungo tutti i punti nevralgici del potere bresciano, dalla sede della Provincia e fino a Piazza della Loggia. L’iniziativa verrà presentata alla popolazione durante un ciclo di quattro incontri, non solo in città.

“Raccogliere idee e condividere esperienze, notizie, informazioni, eventi e contatti di tutte quelle realtà che in vario modo cercano di promuovere una maggiore e diversa attenzione all’ambiente. Questa rete vuole uscire dalla mentalità del NIMB Not in My Backyard, non nel mio giardino, e si rende conto che ogni problema ambientale non può essere solo locale”. Adesso lo possiamo dire? Finalmente.

Comitati e associazioni aderenti: Art@Hack – Collina dei Castagni Castenedolo – CODISA – Comitato NO Tav Colline Moreniche – Comitato per la Salute, Rinascita e Salvaguardia del Centro Storico Brescia – Comitato Spontaneo Contro le Nocività – Gruppo Antinocività Rezzato – LIPU Brescia – Legambiente – Lonato in Movimento

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rete Antinocività Bresciana: «Liberiamo aria, acqua, suolo!»

BresciaToday è in caricamento